Scopriamo le differenze tra la nuova generazione di FIAT 500 e quella precedente

FIAT 500 “la Prima”. FIAT ha lanciato la nuova versione dell’iconica 500 con motore completamente elettrico con il nome “la Prima”. Design rinnovato, internamente ed esternamente, per l’auto italiana per antonomasia.

Scopriamo quindi quali sono le differenze tra la “vecchia” 500 e “la Prima”, che può percorrere fino a 320 km con un pieno di elettroni.

ESTERNI

Se il profilo e i lineamenti di massima sono quelli di sempre, la Nuova 500 si riconosce fin da subito. In primis i fari: ellittici, evoluti, divisi in due dal cofano e pronti a diventare marchio identificativo della nuova livrea.

La novità dei fari è decisamente la più d’impatto, con la divisione che risulta d’avanguardia. La parte bassa del faro infatti è la più imponente delle due componenti, mentre la porzione sul cofano completa l’ellisse.

Il logo di FIAT sparisce, per far posto al numero 500, ormai un vero e proprio brand nel brand. Sotto la targa, ecco una larga presa d’aria, evoluzione naturale di quella già vista sulla 500e americana.

Esaurita la serie speciale “la Prima” in edizione numerata cabrio ...

MANIGLIE

Spariscono le maniglie, per far posto a un incavo con sistema di apertura elettrico per le portiere. Una novità importante, un cambio di rotta che però non stravolge la struttura della 500 “la Prima”. Aumenta leggermente la lunghezza (6 cm), così come il passo (2 cm), mentre diminuisce la larghezza del montante posteriore.

Nuova Fiat 500 elettrica: dopo la cabrio arriva anche la berlina

TELAIO E INTERNI

Totalmente innovativo il telaio progettato da FCA per la Nuova 500, in cui è stata integrata la batteria agli ioni di litio, posizionata tra i due assi della vettura nel sottoscocca. Una scelta che paga a livello di abitabilità, creando più spazio ai passeggeri, anche grazie alla sparizione della leva del cambio.

Fiat 500e Elettrica: autonomia, motore, interni, caratteristiche e ...

UN PEDALE, DOPPIA FUNZIONE

Sarà possibile guidare la nuova 500 “la Prima” con un unico pedale che permetterà di accelerare e decelerare. Ogni volta che il guidatore solleva il piede dal pedale, l’auto rallenta, quindi converte e recupera energia cinetica per generare energia elettrica e ricaricare la batteria. Si ha comunque la possibilità di frenare con il pedale specifico per garantire la massima facilità di guida.

MODALITÀ SHERPA

Una volta alla guida si potrà impostare la modalità di guida “Sherpa”: un’impostazione di guida intelligente che permetterà di risparmiare energia ottimizzando caricabatteria, aria condizionata, velocità e accelerazione per consentire un’autonomia ancora più estesa ed arrivare a destinazione.

RICARICA VELOCE

La nuova 500 “la Prima” potrà essere ricaricata velocemente fino a 85kW. Con soli 5 minuti di ricarica, si può avere un’autonomia di 50km, consentendo tutti gli spostamenti quotidiani. Inoltre, si può ricaricare l’80% della batteria in soli 35 minuti.

Ti possono interessare: