Categoria: Skoda Pagina 1 di 6

Incentivi auto 2021, la lista con i modelli delle auto elettriche, mild hybrid e ibride plug-in

Scopriamo sull’acquisto di quali auto elettriche, mild hybrid e ibride plug-in sono attivi i vantaggi

Leggi tutto

Incentivi auto 2021, la lista con i modelli delle auto diesel e benzina

Sono tornati gli incentivi statali: scopriamo sull’acquisto di quali auto diesel e benzina sono attivi i vantaggi

Leggi tutto

Car of the Year 2021, nominate le 7 finaliste

Nominate le finaliste del premio Car of the Year 2021: il Gruppo Bossoni Automobili è “rappresentato” da tre auto

Leggi tutto

ŠKODA lancia la Nuova Octavia Wagon anche a metano

ŠKODA inserisce nel listino della Nuova Octavia Wagon anche l’alimentazione a metano: nasce la G-Tec

La quarta generazione Nuova ŠKODA Octavia accoglie nelle proprie alimentazioni anche quella a metano. Nasce quindi la Nuova ŠKODA Octavia G-TEC, già ordinabile nelle Concessionarie Bossoni Automobili.

Squadra che vince non si cambia: Nuova ŠKODA OCTAVIA G-TEC mantiene, infatti, il motore TSI da 1,5 litri con 130 CV a ciclo di combustione Miller, per il momento solamente in combinazione con cambio DSG, che migliora ulteriormente le sue performance di efficienza grazie all’aerodinamica della vettura ottimizzata.

CARATTERISTICHE PRINCIPALI

  • Emissioni di CO2 di 93-96 g/km, fino al 25% in meno rispetto a una motorizzazione TSI comparabile
  • Emissioni di NOx oltre il 60% in meno rispetto a una motorizzazione TSI comparabile
  • Emissioni di particolato totalmente assenti

BENEFICI FISCALI E AUTONOMIA

Nuova OCTAVIA G-TEC mantiene poi i benefici fiscali e di mobilità cittadina della vecchia generazione grazie allo status di veicolo a metano monovalente. La configurazione a tre bombole (due in materiale composito e una in acciaio), di capienza complessiva superiore ai 17 kg, permette un’autonomia aumentata fino a 500 km a gas naturale; con i 9 litri di benzina del serbatoio di riserva, poi, l’autonomia complessiva sale fino a 700 km.

PREZZO DI LISTINO

Nuova OCTAVIA G-TEC si posiziona all’interno della Gamma con un prezzo di partenza di 30.000 € per la variante berlina e 31.050 € per la Wagon, quindi con un sovraprezzo rispetto alla generazione precedente di circa 1.800 €.

INCENTIVI

A seguito dell’introduzione degli incentivi statali del Decreto Rilancio (D.L. n. 34 del 19/05/2020), OCTAVIA G-TEC risulta essere idonea, per chi l’acquistasse, a ricevere un bonus fino a 3.940 €, in caso di rottamazione di un’auto Euro 4 o inferiore, considerando anche lo sconto commerciale obbligatorio per l’accesso all’incentivo (vedi circolare n. 94/2020).

In aggiunta all’Ecobonus statale da poco aggiornato, molte amministrazioni regionali hanno recentemente introdotto delle forme di agevolazione per favorire l’acquisto di veicoli a ridotto impatto ambientale, tra i quali:

  • Incentivi regionali all’acquisto
  • Esenzione del pagamento della tassa di proprietà del veicolo a vita
  • Accesso a zone ristrette al traffico
  • Parcheggio nelle aree di sosta a pagamento in maniera gratuita

Leggi anche:

Skoda, svolta elettrica: è arrivata Enyaq iV

Nasce il primo SUV elettrico di ŠKODA: è arrivata Enyaq iV

ŠKODA ENYAQ iV: si chiamerà così il primo SUV di serie interamente elettrico basato sulla piattaforma modulare elettrificata (MEB) del Gruppo Volkswagen. Il nome combina insieme la lettera “E” dell’elettromobilità con la lettera “Q” finale che caratterizza i nomi dei SUV del Brand. ENYAQ segnerà per ŠKODA un incredibile passo avanti nell’era dell’elettromobilità nel 2020.

Il nome ENYAQ deriva dal termine irlandese “enya”, che significa “fonte di vita”. Questa parola deriva dal gaelico irlandese “Eithne”, che può essere tradotto con i concetti di “essenza”, “spirito” o “principio”. Queste diverse accezioni conferiscono altrettante sfumature di significato al nome del nuovo SUV ŠKODA.

“Fonte di vita” simboleggia l’inizio di una nuova era per il Brand boemo, quella dell’elettromobilità, ed è in linea con il claim ŠKODA: “Driven by inventiveness – clever ideas since 1895”. Indica quindi un nuovo inizio, che bene si abbina al temperamento del nuovo ENYAQ e alla passione degli ingegneri profusa nella realizzazione del modello.

ENYAQ riprende la denominazione della famiglia dei SUV ŠKODA. Seguendo l’esempio degli altri SUV di successo del Brand, KODIAQ, KAROQ e KAMIQ, i cui nomi derivano dalla lingua del popolo Inuit del nord del Canada e della Groenlandia, ŠKODA in questo caso ha preso ispirazione per il nome del veicolo elettrico su piattaforma MEB dalla lingua di una regione leggendaria del nord. La lettera “E” all’inizio di ENYAQ simboleggia l’elettromobilità, la “Q” alla fine crea una connessione con le caratteristiche tipiche dei SUV ŠKODA.

ŠKODA ENYAQ sarà il primo veicolo prodotto in serie del Brand a essere basato sulla piattaforma modulare elettrificata (MEB) del Gruppo Volkswagen ed è il primo di oltre 10 modelli elettrificati che verranno lanciati sotto il sub-brand di ŠKODA iV entro la fine del 2022.

Per il 2025 il Brand boemo prevede che il 25% delle vendite saranno rappresentate da veicoli e modelli interamente elettrici o plug-in hybrid. ŠKODA programma di investire due miliardi di euro entro il 2021 nello sviluppo di modelli elettrici e di un ecosistema interconnesso per soluzioni di mobilità moderna ed ecocompatibile.

Leggi anche:

Škoda, pubblicati i risultati del primo semestre 2020

Resi noti i risultati del primo semestre di Škoda: risultato positivo nonostante la pandemia

Škoda Auto, nonostante i quasi 40 giorni di chiusura dei propri stabilimenti, chiude il primo semestre del 2020 con un risultato operativo di 228 milioni di euro.

Le misure per il contenimento pandemico da Coronavirus hanno inciso ma non affossato il marchio ceco di proprietà di Volkswagen: fatturato di 7,55 miliardi di euro al 30 Giugno, con un margine operativo del 3 per cento e 426.700 auto consegnate.

“Nonostante nei primi sei mesi dell’anno le consegne a livello mondiale siano diminuite per via della particolare situazione  le previsioni sono positive”. Queste le parole di Alain Favey, Membro del Board Škoda per Vendite e Marketing.

“Già a giugno abbiamo registrato un netto aumento rispetto ai mesi precedenti. Con la nostra gamma di modelli siamo in una posizione particolarmente favorevole. Per incentivare sviluppi positivi sui mercati internazionali, Škoda ha studiato per i propri partner commerciali, in aggiunta agli incentivi statali che vediamo con favore, programmi di ripartenza su larga scala. In questo contesto ci aspettiamo una ripresa per il terzo trimestre e riteniamo possibile per il quarto trimestre un ritorno ai livelli dello scorso anno”.

Leggi anche:

Stellantis vs Volkswagen: confronto tra le piattaforme dei due gruppi

Come funzionano le piattaforme dei due gruppi? Ecco il confronto

Abbattimento dei costi senza dimenticare la qualità e la differenziazione di stili. Basta questo per descrivere i principi alla base del successo di Stellantis (neogruppo nato dalla fusione tra FCA e PSA) e Volkswagen.

VOLKSWAGEN – MQB

Il gruppo Volkswagen usa da sempre una piattaforma unificata per ognuno dei propri marchi, chiamata Modularer QuerBaukasten (o MQB). Un contenitore per creare auto diversissime tra loro, sistema che funziona vista la mole di vetture prodotte e vendute dal gruppo tedesco.

MLB EVO

Da MQB è nata la variante MLB Evo, che ha permesso di produrre auto del calibro di Tiguan, Golf, T-Roc e tutta la gamma Audi.

MBE

Modulare Elektrifizierungsbaukasten, la piattaforma per le auto elettriche per la terza era di Volkswagen. Qui, infatti, è iniziata la produzione della gamma ID.

STELLANTIS

Un gruppo neonato ma con del gran potenziale. Ecco Stellantis, dopo la fusione tra FCA e PSA. La condivisione di piattaforme per guardare al futuro e puntare l’uno sulle competenze e strutture dell’altro, sfruttando la stessa piattaforma ma utilizzando modus operandi completamente diversi. Il tutto per produrre vetture molto diverse per stile, dimensioni e tipologie condividendo in modo insospettabile una medesima piattaforma.

IL FUTURO

Alla base dell’integrazione tra i due gruppi ci sono le piattaforme modulari che permettono di produrre auto molto diverse per dimensioni, tipologia, sistemi di trazione, alimentazione. Una sorta di evoluzione dei vecchi pianali i quali, tuttavia, non offrivano sufficiente flessibilità ed erano alla base di auto molto, forse troppo, simili tra loro e mal digerite dal mercato.

CMP e EMP2

Common Modular Plattform è il nome della piattaforma di PSA da cui + nata, per esempio, la più recente Peugeot 208. La seconda piattaforma usata da PSA è Efficient Modular Platform 2, da cui sono nate le 508 e 3008, tra le tante.

eVMP

FCA potrà sfruttare la piattaforma eVMP di PSA (Electric Vehicle Modular Platform), dedicata interamente alla gamma elettrica.

E FCA?

La piattaforma attualmente utilizzata da FCA per creare Stelvio e Giulia, per esempio, è Giorgio, oltre a Small Wide, da cui sono nate le Renegade e Compass, 500X e Tipo.

Leggi anche:

Aperta l’ordinabilità della nuova Skoda Kamiq Scoutline

La Casa della Repubblica Ceca ha annunciato l’apertura dell’ordinabilità per l’inedita versione Scoutline di Škoda Kamiq

Škoda Kamiq in una nuova veste: ecco l’inedita versione Scoutline, che rappresenta Kamiq nella sua veste off-road, e completa l’offerta del più
compatto dei SUV in Gamma.

Disponibile in ogni colore e motorizzazione della Gamma Škoda, dal 1.0 TSI 95 CV al 1.5 TSI 150 CV passando per il 1.6 TDI 115 CV e per il nuovo 1.0 G-TEC 90 CV con alimentazione monovalente a metano. Kamiq Scoutline è già ordinabile in tutti gli Showroom Bossoni Automobili.

Gli spaziosi interni del nuovo Kamiq Scoutline hanno elementi decorativi specifici che richiamano la trama del legno e che, in opzione, possono essere scelte in total black.

A questi si accompagnano le cromature delle bocchette di ventilazione. I sedili, di cui gli anteriori sono regolabili in altezza, sono rivestiti con lo speciale tessuto Thermoflux ad alta traspirabilità, mentre volante, leva del freno a mano e leva del cambio sono rivestiti in pelle.

La pedaliera in metallo è di serie, mentre il sistema di illuminazione dell’ambiente a LED può essere scelto in colore bianco, rosso o arancione mentre a richiesta il rivestimento del cielo dell’abitacolo può essere interamente nero. Sono di serie anche le luci di lettura in tecnologia LED.

Qui alcuni consigli utili sullo stop prolungato della propria auto e non solo:

Curiosità e storie sul Brand ŠKODA

Ecco alcune storie e curiosità che (forse) non sono conosciute legate al Brand Škoda

1 – ŠKODA E LE BICICLETTE

125 gli anni di storia di questo Marchio legato al mondo della bicicletta. Tutto iniziò da Václav Laurin e Václav Klement e tutt’oggi va avanti con un certo profitto per la Casa ceca.

Skoda presenta il catalogo e-bike 2020, da montagna e da città ...

2 – ŠKODA E I FILM

Sono 8.121 le comparse di automobili ŠKODA tra film e videoclip.

3 – ŠKODA E LONDON EYE

L’albero di rotazione e piloni del London Eye (la ruota panoramica di Londra) sono stati prodotti negli stabilimenti ŠKODA in Repubblica Ceca.

Tutti i pro e i contro di visitare il London Eye, la ruota ...

4 – ŠKODA E I TRAM IN ITALIA

La prima fornitura di veicoli della Rete tranviaria di Cagliari era composta da 6 unità prodotte dalla ŠKODA Transportation del tipo ŠKODA 06 T, consegnate in occasione dell’inaugurazione della linea 1 e in seguito integrate con ulteriori 3 unità analoghe.

Škoda 06 T - Wikipedia

5 – ŠKODA E L’ENERGIA… NUCLEARE

ŠKODA JS è stata la divisione nucleare di Škoda. Dopo il 1993 diventò parte della ŠKODA JADERNÉ STROJÍRENSTVÍ s.r.o. Dal 1999 divenne una società per azioni. Nel 2004 la Škoda-Holding cedetta l’azienda alla russa OMZ.

ŠKODA JS a.s. - Czech Exporters Directory

Qui alcuni consigli utili sullo stop prolungato della propria auto e non solo:

eSports, nasce Škoda Motorsport eChallenge: il campionato di rally virtuale

Dopo altri sport di motori su due e quattro ruote (su tutti MotoGP e Formula 1), anche il rally firmato Škoda sbarca sugli eSports: ecco la Škoda Motorsport eChallenge

L’emergenza Coronavirus ha portato anche gli sport più adrenalinici come quelli del mondo dei motori a una pausa forzata. Niente campionato del mondo di Formula 1 o MotoGp, né tantomeno campionati meno “mainstream” ma dall’alto tasso spettacolare.

Anche il rally, per esempio, si è dovuto fermare. Non virtualmente, però: seguendo le orme proprio degli sport principi dei motori, ecco che è nata la Škoda Motorsport eChallenge.

Lo sbarco definitivo nel mondo degli eSports per il rally: prima tappa fino al 26 Aprile del rally di Argentina, aperta a tutti i giocatori di DiRT Rally registrati nel mondo, a bordo di una Škoda Fabia Rally2 evo. In gara, anche diversi piloti professionisti, tra cui: Pontus Tidemand, Chris Ingram, Martin Koči e l’emergente Oliver Solberg.

Sui canali social di Škoda saranno disponibili tutti i risultati.

Pagina 1 di 6

©2016 Gruppo Bossoni. All Rights Reserved. - Reg.Imp. Bs n.01678370170 - Privacy Policy • powered by kreativemind