Categoria: Fiat Pagina 1 di 10

FIAT presenta la Nuova 500 3+1: caratteristiche e dettagli

Scopriamo tutto sulla Nuova FIAT 500 3+1: di che cosa si tratta?

Nasce un nuovo modo di intendere le automobili? Forse. Ecco la Nuova FIAT 500 (elettrica) 3+1.

Leggi tutto

FCA, inaugurazione per il progetto Vehicle-to-Grid

È nato a Torino Mirafiori l’impianto di FCA per la tecnologia Vehicle-to-Grid

Dopo l’annuncio dell’inizio dei lavori nello scorso Maggio, ha preso il via il progetto Vehicle to Grid di FCA.

Presenti all’inaugurazione il presidente di FCA, John Elkann, il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli, rappresentanti di Commissioni parlamentari, il sindaco Chiara Appendino, giornalisti nazionali e internazionali.

Obiettivo dell’iniziativa è far interagire in modo bidirezionale i veicoli full electric di FCA e la rete elettrica, permettendo – oltre alla ricarica dei mezzi – l’utilizzo delle loro batterie per fornire servizi di stabilizzazione della rete.

“La tecnologia Vehicle-to-Grid – spiega all’Ansa Roberto Di Stefano, responsabile e-Mobility per l’Emea di FCA – rappresenta un’importante opportunità per ottimizzare i costi di esercizio delle vetture a vantaggio degli automobilisti, oltre a una concreta possibilità per contribuire alla sostenibilità della performance della rete elettrica. Tuttavia, serve un contesto normativo favorevole al V2G”.

“Il Ministero dello Sviluppo economico ha stabilito criteri e modalità per favorire la diffusione della tecnologia Vehicle-to-Grid in Italia, con lo scopo di agevolare la diffusione dei veicoli elettrici e l’incremento delle risorse di flessibilità di cui il sistema elettrico necessita, per consentire una adeguata integrazione delle fonti rinnovabili”.

“Ora dovrà seguire un completo framework normativo, riferito alla giusta remunerazione dei servizi di stabilizzazione alla rete e a copertura dei costi aggiuntivi associatiall’installazione dei dispositivi di connessione bidirezionali e dei sistemi di misura, ai fini dell’erogazione dei servizi ancillari”.

“Le e-car rappresentano una potenziale fonte di energia molto rilevante e una grande opportunità per contribuire a realizzare un sistema elettrico più sostenibile e decarbonizzato. L’interazione intelligente e bidirezionale tra auto e rete, inoltre, consente a Terna di poter disporre di maggiori risorse di flessibilità e servizi innovativi”, ha affermato Massimiliano Garri, direttore Innovazione e Soluzioni digitali Terna.

“Il V2G – ha sottolineato Carlalberto Guglielminotti, amministratore delegato di Engie Eps – è la soluzione che permetterà il più grande cambio di paradigma all’interno del sistema della mobilità elettrica e dei sistemi elettrici mondiali”.

Leggi anche:

FCA produrrà 27 milioni di mascherine al giorno

FCA dimostra il proprio impegno al fianco dell’Italia: a pieno regime saranno 27 milioni le mascherine prodotte giornalmente in due stabilimenti

Saranno probabilmente 11 milioni le mascherine distribuite giornalmente nelle scuole italiane. E potrebbero essere tutte griffate FCA Italy, visto l’accordo tra FCA e il governo che porterà il marchio presieduto da John Elkann a produrre (a pieno regime) 27 milioni di mascherine al giorno.

In particolare le autorizzazioni consentono al gruppo automobilistico europeo di produrre mascherine chirurgiche per adulti di tipo tradizionale e di produrre mascherine chirurgiche pediatriche da destinare ai bambini.

Due gli stabilimenti prescelti: Torino Mirafiori e Pratola Serra, con 600 dipendenti impiegati e 16 mila metri quadrati di impianti a disposizione. Le autorizzazioni sono arrivate a FCA tra il 12 e il 19 agosto.

Leggi anche:

Stellantis vs Volkswagen: confronto tra le piattaforme dei due gruppi

Come funzionano le piattaforme dei due gruppi? Ecco il confronto

Abbattimento dei costi senza dimenticare la qualità e la differenziazione di stili. Basta questo per descrivere i principi alla base del successo di Stellantis (neogruppo nato dalla fusione tra FCA e PSA) e Volkswagen.

VOLKSWAGEN – MQB

Il gruppo Volkswagen usa da sempre una piattaforma unificata per ognuno dei propri marchi, chiamata Modularer QuerBaukasten (o MQB). Un contenitore per creare auto diversissime tra loro, sistema che funziona vista la mole di vetture prodotte e vendute dal gruppo tedesco.

MLB EVO

Da MQB è nata la variante MLB Evo, che ha permesso di produrre auto del calibro di Tiguan, Golf, T-Roc e tutta la gamma Audi.

MBE

Modulare Elektrifizierungsbaukasten, la piattaforma per le auto elettriche per la terza era di Volkswagen. Qui, infatti, è iniziata la produzione della gamma ID.

STELLANTIS

Un gruppo neonato ma con del gran potenziale. Ecco Stellantis, dopo la fusione tra FCA e PSA. La condivisione di piattaforme per guardare al futuro e puntare l’uno sulle competenze e strutture dell’altro, sfruttando la stessa piattaforma ma utilizzando modus operandi completamente diversi. Il tutto per produrre vetture molto diverse per stile, dimensioni e tipologie condividendo in modo insospettabile una medesima piattaforma.

IL FUTURO

Alla base dell’integrazione tra i due gruppi ci sono le piattaforme modulari che permettono di produrre auto molto diverse per dimensioni, tipologia, sistemi di trazione, alimentazione. Una sorta di evoluzione dei vecchi pianali i quali, tuttavia, non offrivano sufficiente flessibilità ed erano alla base di auto molto, forse troppo, simili tra loro e mal digerite dal mercato.

CMP e EMP2

Common Modular Plattform è il nome della piattaforma di PSA da cui + nata, per esempio, la più recente Peugeot 208. La seconda piattaforma usata da PSA è Efficient Modular Platform 2, da cui sono nate le 508 e 3008, tra le tante.

eVMP

FCA potrà sfruttare la piattaforma eVMP di PSA (Electric Vehicle Modular Platform), dedicata interamente alla gamma elettrica.

E FCA?

La piattaforma attualmente utilizzata da FCA per creare Stelvio e Giulia, per esempio, è Giorgio, oltre a Small Wide, da cui sono nate le Renegade e Compass, 500X e Tipo.

Leggi anche:

Nasce Dream Garage di FCA e Leasys: di cosa si tratta

Tutti i clienti della Nuova FIAT 500 “la Prima” potranno accedere all’app Dream Garage

Tredici modelli del Gruppo FCA a disposizione, diversi per spazio, tipologia, destinazione, prenotabili in ogni momento tramite l’utilizzo dell’app per un massimo di 60 giorni all’anno. Ecco My Dream Garage, un nuovo modo di gestire la mobilità.

“Attraverso l’app e con due semplici clic, il nostro cliente potrà prenotare in ogni momento, e per tutto il tempo necessario, una delle auto del ‘My Dream Garage’ scelte tra i modelli del gruppo FCA che rispondono a esigenze temporanee di mobilità o legate a un utilizzo specifico: dalla Spider per un weekend al mare, alla Jeep per un’escursione in montagna, dal SUV per la città alla berlina per i viaggi, fino al Ducato per un veloce trasloco nel weekend”, queste le parole di Luca Napolitano, Head of FIAT, Lancia & Abarth Brands EMEA.

Canone mensile di 99 euro fino a un massimo di 299 euro al mese per un anno, in base a 4 differenti tipologie di abbonamento: Regular, Silver, Gold e Platinum.

L’abbonamento garantisce fino a 60 giorni di mobilità, da utilizzare durante l’intero arco dell’anno, anche un solo giorno alla volta. My Dream Garage è tanto innovativo quanto semplice nell’utilizzo, di seguito i 4 step.

  1. Accedere all’app My Dream Garage
  2. Scegliere il punto di ritiro
  3. Prenotare l’auto usando i giorni del credito a disposizione
  4. Ritirare la vettura scelta. Il numero di giorni selezionato sarà detratto dal credito disponibile

Una volta prenotata l’auto con la app sul proprio smartphone, sarà sufficiente andare a ritirarla in uno degli oltre 300 Leasys Mobility Store dislocati sul territorio italiano nelle principali città, negli aeroporti e nelle stazioni.

Il servizio sarà attivo in Italia e in altri otto Paesi europei (Francia, Germania, Gran Bretagna, Spagna, Belgio, Olanda, Austria e Polonia) attraverso le concessionarie convenzionate.

Leggi anche:

Fusione FCA-PSA, nasce Stellantis

Cosa significa il nome scelto per il Brand che rappresenterà la fusione tra FCA e PSA

Dal latino all’unione tra Italia e Francia. “Essere illuminato dalle stelle”, questo il significato di Stellantis, il nome del Brand che sancisce la fusione tra FCA e PSA.

Due Marchi in uno, un nuovo corso, annunciato in una lettera ai dipendenti dal presidente del gruppo FCA e dall’AD Mike Manley. Il nome quindi trae ispirazione “da questo nuovo e ambizioso allineamento di marchi automobilistici leggendari e di forti culture aziendali che, unendosi, daranno vita a uno dei nuovi leader nella prossima era della mobilità, preservando sia il valore eccezionale dell’insieme sia i valori delle singole parti costituenti”.

“Stellantis unirà la dimensione di un gruppo veramente globale con una straordinaria ampiezza e profondità di talenti, know-how e risorse in grado di fornire le soluzioni di mobilità sostenibile dei prossimi decenni. Le origini latine del nome rendono omaggio alla lunga e importante storia delle due società fondatrici mentre il riferimento all’astronomia richiama lo spirito di ottimismo, energia e rinnovamento alla base di questa unione che cambierà il settore automotive”.

Fca-Psa: perche il nome del nuovo brand sarà "Stellantis"

© MUSTAFA CIFTCI / ANADOLU AGENCY – Fca-Psa

“Stellantis sarà un’azienda unica con le risorse e le caratteristiche necessarie per giocare un ruolo di primo piano in un nuovo e stimolante futuro per il nostro settore”.

“Il nome Stellantis verrà usato esclusivamente a livello di Gruppo, per definire il Corporate Brand e la Corporate Identity. Stiamo lavorando anche a un nuovo logo che sarà presentato entro un paio di mesi. Ovviamente, i nomi e i loghi dei singoli marchi costitutivi del Gruppo Stellantis rimarranno invariati”.

Leggi anche:

Nuova FIAT 500 “la Prima”, il confronto con la versione precedente

Scopriamo le differenze tra la nuova generazione di FIAT 500 e quella precedente

FIAT 500 “la Prima”. FIAT ha lanciato la nuova versione dell’iconica 500 con motore completamente elettrico con il nome “la Prima”. Design rinnovato, internamente ed esternamente, per l’auto italiana per antonomasia.

Scopriamo quindi quali sono le differenze tra la “vecchia” 500 e “la Prima”, che può percorrere fino a 320 km con un pieno di elettroni.

ESTERNI

Se il profilo e i lineamenti di massima sono quelli di sempre, la Nuova 500 si riconosce fin da subito. In primis i fari: ellittici, evoluti, divisi in due dal cofano e pronti a diventare marchio identificativo della nuova livrea.

La novità dei fari è decisamente la più d’impatto, con la divisione che risulta d’avanguardia. La parte bassa del faro infatti è la più imponente delle due componenti, mentre la porzione sul cofano completa l’ellisse.

Il logo di FIAT sparisce, per far posto al numero 500, ormai un vero e proprio brand nel brand. Sotto la targa, ecco una larga presa d’aria, evoluzione naturale di quella già vista sulla 500e americana.

Esaurita la serie speciale “la Prima” in edizione numerata cabrio ...

MANIGLIE

Spariscono le maniglie, per far posto a un incavo con sistema di apertura elettrico per le portiere. Una novità importante, un cambio di rotta che però non stravolge la struttura della 500 “la Prima”. Aumenta leggermente la lunghezza (6 cm), così come il passo (2 cm), mentre diminuisce la larghezza del montante posteriore.

Nuova Fiat 500 elettrica: dopo la cabrio arriva anche la berlina

TELAIO E INTERNI

Totalmente innovativo il telaio progettato da FCA per la Nuova 500, in cui è stata integrata la batteria agli ioni di litio, posizionata tra i due assi della vettura nel sottoscocca. Una scelta che paga a livello di abitabilità, creando più spazio ai passeggeri, anche grazie alla sparizione della leva del cambio.

Fiat 500e Elettrica: autonomia, motore, interni, caratteristiche e ...

UN PEDALE, DOPPIA FUNZIONE

Sarà possibile guidare la nuova 500 “la Prima” con un unico pedale che permetterà di accelerare e decelerare. Ogni volta che il guidatore solleva il piede dal pedale, l’auto rallenta, quindi converte e recupera energia cinetica per generare energia elettrica e ricaricare la batteria. Si ha comunque la possibilità di frenare con il pedale specifico per garantire la massima facilità di guida.

MODALITÀ SHERPA

Una volta alla guida si potrà impostare la modalità di guida “Sherpa”: un’impostazione di guida intelligente che permetterà di risparmiare energia ottimizzando caricabatteria, aria condizionata, velocità e accelerazione per consentire un’autonomia ancora più estesa ed arrivare a destinazione.

RICARICA VELOCE

La nuova 500 “la Prima” potrà essere ricaricata velocemente fino a 85kW. Con soli 5 minuti di ricarica, si può avere un’autonomia di 50km, consentendo tutti gli spostamenti quotidiani. Inoltre, si può ricaricare l’80% della batteria in soli 35 minuti.

Ti possono interessare:

FCA, progetto ambizioso e a basse emissioni: la strategia

Strategia ormai volta all’elettrificazione per FCA: tutto quello che c’è da sapere

FCA sempre più verso l’elettrificazione. Progetti, sviluppo, voglia di indirizzarsi su un mercato sempre più di basse emissioni e tendente al green.

Il CEO Mike Manley ha parlato delle partnership della Casa con DCS per il servizio digitale “My easy Charge”: “Queste partnership integrano la strategia di e-Mobility annunciata l’anno scorso nel contesto del piano quinquennale di Gruppo. Stiamo creando un ecosistema di partner, prodotti e servizi nei diversi mercati al fine di soddisfare e superare le aspettative, in rapida evoluzione, dei nostri clienti in termini di veicoli elettrificati”.

CLICCA QUI PER IL PROGETTO VEHICLE-TO-GRID DI FCA

La rotta è stata comunque impostata, almeno per i Brand FIAT, Lancia e Jeep. Se FIAT, oltre alle ibride, punta molto sull’elettrico, con il lancio della 500 “la Prima” full electric, ecco che anche Lancia e Jeep schierano una batteria di tutto rispetto.

Se la Ypsilon Hybrid è ormai una realtà assodata nel mercato italiano (qui per la promozione del mese), ecco che Jeep ha reso noti i prezzi di vendita dei primi due modelli ibridi, riconoscibili dalla dicitura 4xe.

Jeep Renegade e Compass 4xe, infatti, godono fin da subito di “doppi incentivi”, con zero rate nel 2020 e zero anticipo.

Ti possono interessare:

FIAT presenta il museo virtuale “Casa 500”

Per celebrare il compleanno della 500, ecco che FIAT ha lanciato il portale Casa 500, un museo virtuale dedicato interamente all’iconica automobile

Sulle linee produttive completamente rinnovate dello stabilimento di Mirafiori è iniziata la produzione della Nuova 500 “la Prima” (qui per sapere come ordinarla e il prezzo), mentre al quarto piano della Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli, al Lingotto, è stata ambientata la Virtual Casa 500. Ѐ questa la grande sorpresa di Fiat per celebrare la sua icona.

Sono passati 63 anni da quando Fiat presentò al mondo una delle auto più iconiche e amate di sempre: la 500. L’auto che fin da subito ha saputo entrare nel cuore degli italiani e non solo, diventando ambasciatrice del Made in Italy nel mondo.

Una visita dinamica, dagli anni Cinquanta a oggi per raccontare una storia che appartiene a tutti noi, proprio come 500. Si vuole così dare un’anteprima virtuale di cosa sarà “Casa 500” che verrà ospitata negli spazi della Pinacoteca al Lingotto e che sarà pronta per essere inaugurata nella primavera del 2021.

Per Fiat 500 la casa è stata prima Mirafiori e poi il Lingotto, con la pista ovale di collaudo: non poteva esserci quindi altro luogo al di fuori della Pinacoteca, – della quale Fiat è anche main partner – per celebrarla.

Nella Virtual Casa 500 tutto è a portata di click in un ambiente digitale: le 11 aree tematiche – The legacy, Made of Italy, New 500 One OFF, Diary of an icon, A journey through 3 generations, New 500 experience, 500 design story, A story of social rilevance, The future starts here, 500 vintage vibes, Open for change – portano il visitatore a compiere un viaggio immersivo nel mondo 500, capace di suscitare ricordi, sogni ed emozioni.

Si inizia con l’area dedicata al patrimonio industriale e culturale di Fiat 500 dove si racconta l’intramontabile icona pop che ha interpretato i bisogni di tre generazioni: la 500 democratica del 1957, quella individualista del 2007 per arrivare a quella socialmente responsabile del 2020.

Un museo virtuale per raccontare il passato, il presente e il futuro di 500 che si può visitare come una mostra permanente dal proprio smartphone, dal pc o dal tablet collegandosi al link qui sotto.

CLICCANDO QUI SI PUÒ VISITARE CASA 500

Ti possono interessare:

Nuova FIAT 500 elettrica arriva sul mercato: “la Prima” in versione cabrio è ufficialmente ordinabile

FIAT ha comunicato l’apertura dell’ordinabilità del nuovo modello di punta: la 500 “la Prima” in versione cabrio

Con un prezzo di listino di 37.900€ è stata aperta l’ordinabilità di Nuova FIAT 500 “la Prima” in versione cabriolet. La nuova vita (elettrica e a zero emissioni) di FIAT inizia… scoperchiata e con la possibilità di viverla “all’aria aperta”.

Nasce quindi La Prima, la 500 elettrica che, nei progetti di FIAT, sarà l’apripista della conversione alle zero emissioni del Marchio italiano.

QUANTO COSTA LA NUOVA FIAT 500 LA PRIMA?

Come detto, il prezzo di listino è di 37.900€, ma l’ordinabilità della versione cabriolet 100% elettrica può godere di sconti dedicati. Infatti, l’Ecobonus di 6.000€ (qui per sapere come funziona) porta il prezzo a 31.900€. Con il finanziamento FIAT più, ecco la promo con rate da 199€ al mese.

L’AUTO PIÙ CONNESSA DI SEMPRE?

L’auto del futuro secondo Fiat non è soltanto una city car elettrica, ma la vettura più tecnologica e connessa di sempre. A tal proposito, ecco l’ultima novità: un vero e proprio ecosistema di App scaricabili sul proprio smartphone che aiutano a vivere la Nuova 500 a 360°.

Gli ingegneri di Fiat hanno voluto creare una suite di applicazioni connesse per rendere ancora più completa l’offerta di Nuova 500, per soddisfare le diverse esigenze dei clienti in tutte le situazioni: ricarica a casa, ricarica pubblica, soluzioni innovative per la vita a bordo della vettura e per la gestione remota della vettura.

FIAT APP

L’applicazione permette di avere da remoto il controllo della propria 500: si può verificare lo stato di ricarica, aprire e chiudere le porte, attivare le luci e il condizionatore. Si possono ricercare le colonnine di ricarica pubblica più vicine e gestire la manutenzione della vettura.

E, in caso di necessità o pericolo, l’app metterà subito in contatto il guidatore con un operatore per l’invio dei soccorsi. Attraverso la funzione “My Navigation”, poi, si può pianificare il percorso di viaggio
la sera prima e inviarlo alla 500 per trovarla pronta all’uso il mattino seguente.

Inoltre, dopo aver fatto il primo accesso a FIAT App, si verrà indirizzati sull’App store per scaricare anche altre app come My easyCharge e My easy Wallbox.

My easyCharge

L’app My easyCharge permette di gestire la ricarica pubblica in oltre 14 mila punti in Italia, grazie alla partnership che Fiat ha stretto con Digital Charging Solutions (DCS), la più grande rete di ricarica pubblica nell’Unione Europea. Con My easyCharge si può individuare immediatamente la ricarica più vicina, controllarne la disponibilità, avviare il processo di ricarica e pagare.

Acquistando la 500 “la Prima” cabrio o berlina i primi tre mesi di abbonamento a My easyCharge saranno inclusi nel prezzo.

My easyWallbox e My Connected Wallbox

My easyWallbox, e My Connected Wallbox, infine, sono le app sviluppate per gestire da remoto la ricarica a casa. Invece di collegarsi a una normale presa di corrente con la wallbox si può ricaricare la propria vettura in modo più veloce, sfruttando le fasce orarie in cui l’energia costa meno.

Per comodità, il team di e-Mobility di FCA ha collaborato con due dei principali fornitori di energia europei, ENGIE ed ENEL X, per due wallbox con marchio “500e” che offrono soluzioni comode ed efficaci per la ricarica a casa.

Per esempio, si può impostare il timer in modo che la vettura inizi a caricarsi a mezzanotte, quando le tariffe elettriche sono più convenienti e s’interrompa alle 05:00 quando termina il periodo non di punta. Inoltre, si può tenere traccia di quanta elettricità è stata usata per un efficiente e rapido controllo delle spese.

Ti possono interessare:

Pagina 1 di 10

©2016 Gruppo Bossoni. All Rights Reserved. - Reg.Imp. Bs n.01678370170 - Privacy Policy • powered by kreativemind