Molti italiani, per evitare le multe e il superbollo, sono ricorsi alle auto con targa estera. Una “nuova moda” che ha iniziato a prendere piede nel 2012 principalmente a causa del superbollo, la tassa più odiata della storia dell’automobile.

Il codice della strada prevede che, i veicoli immatricolati in paesi diversi dall’Italia ma di proprietà di cittadini Italiani o residenti nel Bel Paese, possano circolare sul territorio al massimo per un anno. 

E quindi ecco il boom, che ha fatto letteralmente esplodere i noleggi e i leasing di auto con targa estera. D’altronde il superbollo, con i suoi venti euro in più a chilowatt sopra i 185 (251 CV) è una cifre folle, che ancora oggi non riusciamo a spiegarci. Un ulteriore incentivo i furbetti lo hanno trovato nel mancato pagamento delle multe (non esigibili) e nel premio assicurativo, nettamente più basso all’estero.

Oggi, sono circa 5 milioni le automobili con targa estera circolanti nello stivale e il fenomeno è in costante crescita, a causa delle solite falle nella legge italiana. Bisogna però fare molta attenzione, perché solo se il rating è realizzato nel rispetto delle norme fiscali e tributarie è legale in Italia. 

Molte società straniere offrono l’acquisto da e per il cliente, l’immatricolazione e la gestione, anche di intere flotte di automobili all’estero a proprio nome, per poi concederne l’uso a fronte di canoni molto interessanti e vantaggiosi. Bisogna però fare molta attenzione, perché spesso riservano frodi fiscali o tributarie che sono considerate illecito quindi perseguibili penalmente.

E’ tutto da verificare, quindi perché rischiare, meglio affidarsi a professionisti italiani come Gruppo Bossoni, leader del mercato nazionale sia per le vendite che per il noleggio di automobili e veicoli commerciali delle migliori marche. 

Un ulteriore giro di vite per scovare i furbetti delle multe e dei noleggi fraudolenti è in corso, attenzione!