Tag: sicurezza

Passeggeri senza cinture? Paga anche chi guida!

La Corte di Cassazione detta legge e con l’ordinanza n. 2531/19 del 30 gennaio 2019 sfata il mito sull’uso delle cinture di sicurezza davanti e dietro e sulle sanzioni derivate dal non utilizzo delle stesse.

Iniziamo subito con il ricordare a tutti gli automobilisti che la legge italiana impone l’utilizzo delle cinture di sicurezza – sia che ci si sieda davanti che dietro – e che spetta al guidatore accertarsi che tutti i passeggeri la indossino in quanto responsabile della loro sicurezza. 

Questo perché, se dal punto di vista sanzionatorio il guidatore ha solo l’obbligo di accertarsi che tutti i minorenni abbiano allacciato la cintura o utilizzino gli appositi sistemi di ritenuta, in quello legale le cose sono ben diverse. 

LEGGI ANCHE: sicurezza in auto, stop alle distrazioni mentre si guida

Legalmente, infatti, non conta se chi siede in auto è maggiorenne o meno, poiché in caso di incidente, chi siede al volante è considerato corresponsabile delle lesioni subite dai passeggeri che trasporta se questi non indossano correttamente le cinture di sicurezza. 

Non prestare attenzione ai vostri passeggeri – se si allacciano la cintura o meno – può costarvi molto caro, perché in caso di incidente nel quale gli stessi rimangano feriti, vi verrà imputato un contributo colposo anche se dalla dinamica risultasse la vostra piena incolpevolezza. Come sottolineato dalla stessa cassazione “la cui quantificazione in misura percentuale è rimessa all’accertamento del giudice di merito”.

LEGGI ANCHE: guida con cellulare? Presto sarà multa certa

Proprio lo scorso weekend in USA, cinque bambini con un’età compresa tra i 4 e i 15 anni hanno perso la vita in un incidente, perché scaraventati fuori dall’auto su cui viaggiavano a causa del ghiaccio ma sopratutto delle cinture di sicurezza non allacciate. 

Le Concessionarie Gruppo Bossoni Automobili vi rammentano che la maggior parte delle auto in commercio è dotata di un simbolo luminoso sul cruscotto, raffigurante i tre passeggeri posteriori, che segnala se hanno o meno la cintura allacciata. 

Alla luce di questo, ricordatevi sempre di assicurarvi che tutti gli occupanti del vostro veicolo viaggino in condizioni di assoluta sicurezza!

Sicurezza in auto: stop alle distrazioni mentre si guida!

La causa principale della distrazione mentre si è al volante è sicuramente imputabile al nostro tanto amato smartphone. Utilizzare il telefonino alla guida, infatti, è una pratica estremamente diffusa ma che purtroppo non sempre viene fatta in modo sicuro. 

Una conferma la troviamo nei dati crescenti dei sinistri – spesso anche mortali – derivati dall’uso improprio del telefonino, che hanno portato i device e le app di tutto il mondo a mettersi una mano sulla coscienza e introdurre il loro personale Car View.

LEGGI ANCHE: Las Vegas, il futuro dell’automobile passa dal CES 2019

Tra telefonate, messaggi, notifiche, app di musica streaming e social network, sono tante le possibili distrazioni che un dispositivo portatile più generare. Per questo motivo gli smartphone hanno deciso di evolversi acquistando nuove funzionalità, pensate appositamente per aumentare la sicurezza in auto mentre si è alla guida.

Un esempio lo troviamo in Spotify – l’applicazione che ci permette di ascoltare la musica – che per ridurre al minimo la distrazione propone una grafica estremamente semplificata e una migliore interazione mentre si è al volante. 

Apple invece con IOS 12 ha introdotto una serie di funzionalità volte a garantire una maggiore sicurezza alla guida. Tra queste si distingue la nuova opzione legata al “Non disturbare alla guida” che capisce quando si è alla guida e blocca le notifiche – salvo le urgenze – fino all’arrivo a destinazione.    

LEGGI ANCHE: guida con cellulare, presto sarà multa certa

Le nuove modalità si attivano automaticamente quando i vostri dispositivi si collegano al veicolo tramite Bluetooth – presupponendo che ci sia messi al volante – impostando da sole la visuale semplificata in alcuni casi e lo schermo scuro in altri.

Le Concessionarie Gruppo Bossoni Automobili ci tengono a sottolineare che i più recenti sistemi di infotainment istallati sulle proprie automobili dispongono della piena compatibilità con i sistemi Apple CarPlay e Android Auto attraverso i quali è possibile visualizzare e gestire le principali funzionalità dei dispositivi mobili direttamente sul display del sistema multimediale. 

Dalla ZF, l’airbag esterno che ridurrà del 40% le conseguenze da impatto

La guida autonoma, porterà gli airbag esterni pre-crash per aumentare la sicurezza degli occupanti dei futuri veicoli connessi e automatizzati.

Ad affermarlo il Dr. Michael Büchsner, Head of ZF’s Passive Safety Systems Division: “La sicurezza degli occupanti riveste un’importanza cruciale nello sviluppo di nuovi veicoli per la guida automatizzata e autonoma. Il nostro concept pre-crash per l’airbag laterale esterno è un grande esempio di come ZF voglia conseguire la propria Vision Zero, un mondo senza incidenti ed emissioni.” 

Più sicurezza in auto grazie alla ZF – l’azienda tedesca leader in componentistica automobilistica – che con le sue innovazioni, sta puntando a risolvere uno dei problemi del futuro: proteggere gli occupanti delle auto a guida autonoma quando saranno seduti o sdraiati a bordo delle loro automobili.  

Avete capito bene, il problema ancora non  persiste perché attualmente si è costretti a sedere in un’unica posizione, ma con l’arrivo della guida autonoma diventerà molto più impegnativo proteggere gli occupanti dei veicoli che siano OOP, cioè Out Of Position. Il guidatore, in futuro, avrà molta più libertà, potrà lasciare i comandi e reclinare il sedile, ruotarlo in senso contrario di marcia o lateralmente, quindi spetterà ai dispositivi di sicurezza adattarsi alla sua posizione e non viceversa. 

La soluzione in parte arriverà dall’innovativo airbag laterale esterno pre-crash che, aprendosi esternamente sulla parte laterale dell’auto in modalità predittiva, creerà un’ulteriore zona di assorbimento dell’urto in caso di incidente.

I test hanno dimostrato che l’airbag esterno permetterà di ridurre il rischio di lesioni degli occupanti del 40%. L’azienda ha presentato l’innovativo sistema in occasione del simposio Airbag 2018 di Mannheim descrivendolo in tutte le sue parti e assicurando l’efficacia anche nel test del palo del severo ente autonomo EuroNCAP

ZF assicura di essere già al lavoro anche sul nuovo airbag per le ginocchia e su un’innovativo airbag separatore al centro dell’automobile, ma di questo ne parleremo nel prossimo articolo, qui sul Magazine Gruppo Bossoni Automobili naturalmente!

Sicurezza stradale: Il Governo metterà mano al Codice della Strada!

Le norme relative alla circolazione verranno presto aggiornate grazie a due disegni di legge ora al vaglio delle commissioni. Vediamo quali sono le novità contenute nella riforma e come cambieranno la vita degli automobilisti. 

La riforma del Codice della Strada si è resa necessaria per colpa del costante aumento delle vittime di incidenti stradali. Il Governo italiano, già sotto i riflettori a causa del crollo del ponte Morandi, si è mosso per migliorare la sicurezza stradale, presentando due disegni di legge specifici che verranno discussi in Parlamento affinché diventino legge al più presto. 

LEGGI ANCHE: auto con targa estera, il decreto Sicurezza cambia le regole

La nuova riforma del Governo promette un netto miglioramento della mobilità e della qualità dell’aria oltre ad abbassare le tasse grazie l’abolizione della tassa di circolazione (bollo) per le auto storiche.

LEGGI ANCHE: blocco Euro3, a Milano una nuova ZTL

Nulla è ancora deciso, quindi prendete tutto quello che scriveremo di seguito con le pinze, in quanto, durante l’iter legislativo, potrebbe subire cambiamenti. 

Ma vediamo cosa contengono i due nuovi disegni di legge al vaglio del Parlamento.

Guida con telefonino

considerato uno delle principali cause di distrazione mentre si è alla guida ecco l’inasprimento della multa per chi viene sorpreso a utilizzare il proprio smartphone mentre è al volante. Se il progetto diventerà realtà la multa passera dagli attuali 161 ai futuri 422 euro, più taglio di 5 punti sulla patente e sospensione della stessa da 1 a 3 mesi alla seconda infrazione nell’arco del biennio.

Limiti di velocità

questo è il campo dove ci sarà la battaglia più intensa, perché se da una parte si mira ad innalzare il limite di velocità da 130 a 150 km/h sulle autostrade sicure – cioè quelle dotate di tre corsie, asfalto drenante e sistema Safety Tutor – dall’altra, il Ministro dell’Ambiente, ha tutta l’intenzione di abbassarli per ridurre lo smog laddove la concentrazione di polveri sottili è più alta. 

Luci accese anche di giorno

Il nuovo governo vorrebbe mettere mano anche sull’obbligato di tenere le luci sempre accese anche di giorno fuori dai centri abitati. 

L’articolo infatti indica che: “L’accensione dei proiettori anabbaglianti, comportando un indubbio aumento dell’energia richiesta al mezzo, determina un maggiore consumo di carburante, nonché un incremento del livello di emissioni inquinanti”. 

Bisogna tenere conto però del rinnovamento del parco auto circolante, forse basterebbe investire più risorse negli incentivi sulla rottamazione, visto che molte case automobilistiche hanno già ovviato al problema istallando di serie su tutti i nuovi modelli le luci diurne a LED che garantiscono un bassissimo assorbimento elettrico.

Stop al bollo per le auto storiche

Dall’anno prossimo, grazie a una copertura finanziaria a sostegno delle Regioni, quantificata in 80 milioni di euro annui, le vetture ultra ventennali non dovranno più versare la tassa di circolazione alle regioni di appartenenza ma, per loro, la revisione scatterà ogni 2 anni anziché ogni quattro. 

L’ultima parola spetta al Parlamento, continuate a seguirci per avere tutte le informazioni sui possibili cambiamenti e scoprire tutte le novità e le offerte che Gruppo Bossoni Automobili riserva ai propri clienti. Ci trovate anche su www.GruppoBossoni.it 

Toninelli: renderemo obbligatori i sensori anti abbandono sui seggiolini auto

Il Ministro dei Trasporti Toninelli ha in mente un piano ben preciso contro l’abbandono dei bambini in auto, basta una piccola modifica alla legge e ai seggiolini dei nostri figli per salvargli la vita.

Mai più bambini dimenticati in auto e risvolti drammatici! L’annuncio arriva dal nuovo Ministro dei Trasporti che durante una diretta Facebook sottolinea la volontà di mettere mano all’articolo 172 del Codice della Strada con un disegno di legge che potrebbe diventare realtà già in autunno. 

“Sono un papà che, come tanti, vive tempi complicati e stressanti che possono portare a distrazioni anche fatali. La vita dei nostri figli vale i 100 euro del costo di un sistema di sicurezza anti abbandono” queste le parole del nuovo Ministro dei Trasporti Danilo Toninelli.  

Dopo queste affermazioni mamme e papà prepariamoci a istallare sulla nostra automobili un sistema anti abbandono. In pratica si tratta di un sensore che rileva la presenza di un bambino sul seggiolino dell’auto e monitora il comportamento del genitore. Nel momento in cui il guidatore, distrattamente dovesse scendere dall’auto lasciando il piccolo a bordo, il seggiolino emetterebbe un segnale acustico di allarme e invierebbe immediatamente un messaggio sullo smartphone di tutti i familiari. 

LEGGI ANCHE: e-Call, il salvavita diventa obbligatorio su tutte le nuove auto.

Toninelli per ora si è limitato ad affermare che sarà simile a un modello già in uso negli Stati Uniti, che avrà un costo intorno ai 100 euro, sui quali lo stato potrebbe applicare l’IVA agevolata o qualche altra forma di contributo. Non ci resta che aspettare fiduciosi l’entrata in vigore della nuova legge, che porterà sicuramente le maggiori case produttrici di sistemi di ritenzione a integrare il sistema all’interno dei propri seggiolini. 

eCall: il salvavita diventa obbligatorio su tutte le nuove auto 

Gruppo Bossoni Automobili annuncia che dal 31 marzo 2018 Il sistema di emergenza salvavita eCall è on board su tutti i suoi veicoli di nuova omologazione!

Il Parlamento Europeo ha imposto a tutte le Case Automobilistiche l’installazione a bordo di tutti i nuovi veicoli – omologati dopo il 31 marzo 2018 – del sistema eCall, un pulsante di emergenza istallato nell’abitacolo utile in caso di incidente o di emergenza. 

Il suo funzionamento è molto semplice e intuitivo, in caso di malessere a bordo di un’auto basterà premere il pulsante posto sotto la cappelliera per inviare una richiesta d’aiuto, mentre, in caso di incidente ci penserà il sistema a chiamare i soccorsi. Tutto partirà da una scheda SIM integrata nell’auto e passerà dal nuovo numero di emergenza europeo 112 indicando posizione, tipo di auto, numero di occupanti e senso di marcia. Sarà la centrale operativa ad occuparsi di smistare le chiamate ai vari corpi e inviare sul posto i mezzi di pronto intervento.

Secondo le stime il nuovo sistema eCall permetterebbe di salvare la vita a 2.500 persone all’anno e ridurrà del 15% il numero di persone che riporteranno lesioni gravi grazie al dimezzamento dei tempi di soccorso.

Volvo XC60 conquista l’America: giudicato il SUV più sicuro al mondo! 

Volvo XC60, il SUV svedese più innovativo e sicuro al mondo conquista il prestigioso titolo “North American Utility of the Year 2018” grazie alle sue qualità tecnologiche che lo rendono il miglior fuoristrada sul mercato.

Un grande successo per la Casa svedese, che grazie alla Nuova XC60, alza l’asticella per quanto riguarda la sicurezza e i sistemi di assistenza alla guida nel segmento dei SUV di lusso. Un risultato che riconferma la qualità dei modelli svedesi, già vincitori nel 2016 dell’ambito riconoscimento NACTOY grazie alla più grande XC90

Read More

Volvo XC60 è “Best in Class 2017” per Euro NCAP!

Volvo XC60 si fa apprezzare oltre che per il lusso anche per la sostanza, non per niente il nuovo SUV svedese è uno dei primi veicoli della strategia che punta, entro il 2020, all’azzeramento delle vittime e dei feriti gravi a seguito di incidente a bordo di vetture Volvo. 

É record! la Nuova XC60 oltre al NACTOY americano, al premio Car Tech Award 2017 nel Regno Unito e al premio come Auto dell’Anno 2017-18 in Giappone, conquista anche il titolo di  Best in Class ottenendo un punteggio altissimo nei test Euro NCAP! 

L’organismo indipendente europeo ha rivelato le migliori vetture per ciascuna categoria. Volvo XC60 è stata giudicata il punto di riferimento, emergendo oltre che nella categoria Grandi SUV/Fuoristrada anche in quella assoluta. Le migliori prestazioni sono state rilevate nella categoria Safety Assist con una percentuale del 95% e in Occupanti Adulti, che grazie ad un 98% distacca di ben 20 punti percentuali la concorrente più prossima. 

 

Read More

©2016 Gruppo Bossoni. All Rights Reserved. - Reg.Imp. Bs n.01678370170 - Privacy Policy • powered by kreativemind