Con l’arrivo della Pasqua 2019 e il susseguirsi di numerose festività, sono previsti cambiamenti nei limiti di velocità su una tratta dell’Autostrada del Brennero, la A22 

A Natale con i tuoi, a Pasqua con chi vuoi. Il detto popolare italiano vale anche per il 2019, con le autostrade italiane pronte a riempirsi di automobilisti in esodo vista la serie di festività che il calendario ha deciso di ravvicinare. Dalla Pasqua 2019 al 1° Maggio, ecco che l’Italia e le sue autostrade si preparano a non creare troppi impicci a chi ha deciso di spostarsi durante questo periodo dell’anno sì primaverile, ma che può già considerarsi un anticipo dell’estate.

Per questo motivo l’Autostrada del Brennero (A22) è corsa ai ripari! Un tratto, che è fortemente interessato dal passaggio di un’importante itinerario turistico europeo, da Giovedì 18 Aprile fino a Domenica 28 Aprile abbasserà i propri limiti di velocità a 110, 100 o addirittura 90 km/h in base alle condizioni del traffico. 

LEGGI ANCHE: VUOI UNA PASQUA A KM0?

Non preoccupatevi! Su questa tratta – di soli 25 km che comprende gli svincoli di Trento – ci saranno appositi pannelli luminosi a messaggio variabile che vi segnaleranno il limite imposto in quel momento. Stando alle parole dei gestori della A22 del Brennero tenere una velocità costante eviterebbe la formazione di una coda o almeno rallenterebbe di qualche ora la sua formazione. Dai vari test effettuati infatti è emerso che riducendo la velocità media di 14 km/h riescono a transitare l’8% di veicoli in più! 

Per causare una coda infatti basta che un veicolo sia fermo a bordo strada che inevitabilmente andrà ad innescare un minimo rallentamento nelle auto che seguono. Questa decelerazione si trasformerà in una frenata per le auto che si trovano più indietro e man mano si arriverà fino a fermarsi del tutto al centro della carreggiata (stop and go). Questo di fatto è il principio della formazione di una coda in autostrada. 

Prepariamoci quindi ad avere presto un sistema che adatti i limiti di velocità alle condizioni del traffico anche su altri tratti autostradali, ai concessionari di tali porzioni di strade a pedaggio, basterà installare i pannelli a messaggio variabile, i sensori che rilevano i transiti e avere una sala operativa che monitori il flusso dei veicoli e decida il limite da imporre.