Si chiama Ionity ed è la joint venture creata da Volkswagen, Bmw, Daimler e Ford allo scopo di realizzare un’unica rete di ricarica rapida SuperCharger da 350 KW per i veicoli elettrici a livello europeo.
Lo scopo di questa cordata è l’istallazione e la successiva gestione di oltre 400 stazioni di ricarica rapida entro il 2020 in modo di garantire la mobilità elettrica anche sulle lunghe distanze, agevolandone la diffusione sul mercato.
Secondo quanto riportato dal Suddeutsche Zeitung, anche Volvo, FCA, PSA-Opel, Jaguar, Land Rover e Tesla sarebbero intenzionate a entrare nel progetto Ionity. L’adesione delle principali Case automobilistiche al consorzio rappresenterebbe un notevole passo in avanti – forse decisivo – per l’affermazione della mobilità elettrica in Europa. 
La realizzazione di oltre 400 stazioni di ricarica – dotate di numerose colonnine da 350 KW – collocate a circa 120 km l’una dall’altra permetterà di effettuare lunghi viaggi senza problemi. Quando l’auto entrerà in “riserva di energia” basterà collegarla a una colonnina Ionity per soli 4 minuti per ripartire con un’autonomia di ben 100 Km.
Capillarità, compatibilità e velocità di ricarica i punti cardine di questo sodalizio che, unendo le proprie risorse e attività, porterà a una svolta nella diffusione delle vetture elettriche.