Alfa Romeo Racing – vincitore del primo Gran Premio e del primo Campionato nella storia della F1 – rende omaggio alla più importante competizione motoristica mondiale durante il GP di Cina

Dal lontano 1950, anno in cui il Circus assunse una dimensione planetaria, sono cambiate molte cose sia nel mondo dell’automobile che delle corse. A restare immutati sono rimasti solo due fattori: il calore e l’entusiasmo del pubblico e la presenza sulla linea di partenza delle monoposto del Biscione, oggi rappresentato nel paddock da Alfa Romeo Racing!

Silverstone (Gran Bretagna) 13 maggio 1950: allora la scuderia Alfa Romeo si presentò con quattro monoposto “158” guidate da Giuseppe “Nino” Farina, Juan Manuel Fangio, Luigi Fagioli e, in segno di omaggio alla nazione ospitante, Reg Parnell. Le vetture, grazie ai loro 350 CV e alla bravura dei loro piloti, si piazzarono ai primi quattro posti nelle qualifiche, occupando quindi per intero la prima fila dello schieramento. Fu Nino Farina alla fine ad aggiudicarsi il giro più veloce e la vittoria finale. 

La scuderia Alfa Romeo quell’anno si aggiudicò sei gare su sette conquistando i primi tre posti in classifica e consacrando Nino Farina come primo pilota iridato nella neonata F1. Un successo che si è ripetuto anche l’anno successivo con la straordinaria e inarrivabile 159, grazie anche alla bravura del campione Juan Manuel Fangio!

Da allora, nel corso degli anni, le vittorie e i podi nei diversi campionati internazionali hanno fatto nascere le leggendarie vetture sportive del Biscione “Paradigma delle Emozioni”. Se non ci credete venite nelle Concessionarie FCA Gruppo Bossoni e scoprirete cosa si prova a sedersi al volante di una Giulia Quadrifoglio o una Stelvio Quadrifoglio, vetture di serie tra le più potenti e performanti al mondo, nomi delle monoposto guidate da Antonio Giovinazzi e Kimi Raikkonen.

LEGGI ANCHE: Heritage Hub, la nuova casa per i preziosi gioielli di FCA

Oggi il vessillo del Biscione, con Alfa Romeo Racing, è tornato a sventolare sui circuiti di Formula 1 di tutto il mondo grazie al pilota italiano Antonio Giovinazzi e al Campione del Mondo 2007 Kimi Raikkonen, impegnati proprio in questi giorni nel Gran Premio della Cina: “A Shanghai abbiamo fatto progressi, siamo fiduciosi riguardo al nostro potenziale”, dopo il nono posto del finlandese e il quindicesimo dell’italiano ex Ferrari e Sauber.

Se volete riassaporare i valori e i sapori della storia dei motori Alfa Romeo non perdetevi la 37esima rievocazione della 1000 Miglia, che partirà da Brescia mercoledì 15 Maggio.