Molte persone non sanno bene come comportarsi di fronte a un incidente stradale e cosa dice la legge a riguardo. Per questo motivo affrontiamo l’argomento insieme fornendovi utili consigli.

Per legge in caso d’incidente si ha l’obbligo di prestare soccorso, se si viene colti in flagrante nell’atto di omettere soccorso si verrà sottoposti a pesanti sanzioni.

Sembrerà scontato ma è necessario ribadire con forza che il primo consiglio è di mantenere la calma e restare lucidi, molto facile a dirsi meno a farsi. Si pensa di essere pronti e preparati a tutto ma, quando succede di assistere a un incidente con feriti e veicoli che ostruiscono la strada, si va facilmente nel pallone. 

LEGGI ANCHE: Rivoluzione patenti, importanti novità sulla decurtazione dei punti per eccesso di velocità

Per prima cosa bisogna accendere tutte le luci d’emergenza e se necessario utilizzare anche il triangolo in modo da avere la massima visibilità e attirare l’attenzione di chi sta arrivando sulla scena dell’incidente.

Ricordate però sempre una cosa fondamentale, mettere prima in sicurezza voi stessi! Appena scesi dal vostro veicolo indossate immediatamente il gubbino ad alta visibilità.

Subito dopo aver messo in sicurezza voi stessi e la zona dell’incidente, sarà importantissimo fare una valutazione della situazione, verificare il numero di veicoli coinvolti, accertarsi del numero dei feriti e sommariamente delle loro condizioni.

A questo punto si dovranno informare i servizi di soccorso, questa operazione è molto importante bisogna mantenere alta l’attenzione in modo da fornire in modo chiaro e rapido quante più informazioni possibili ai soccorritori del 118. Luogo dell’incidente, tipo di veicoli coinvolti, numero delle persone ferite, quante sono bloccate all’interno del veicolo e quante incoscienti.

Se a questo punto l’operatore del 118 fa altre domande non insistete nel dire che è grave e che servono ambulanze, ma cercate per quanto possibile di rispondere in modo chiaro, rapido ed esauriente a tutte le informazioni che vi sono richieste perché servono per determinare quanti e quali mezzi inviare per soccorrere al meglio i feriti.

Adesso non vi resta che attendere l’arrivo dei soccorsi, nell’attesa cercate di valutare se le condizioni del traffico possono consentire l’arrivo dei mezzi di soccorso fino sul luogo dell’incidente. Se ritenete che ciò potrebbe essere difficoltoso, magari insieme ad altri conducenti, cercate di creare un corridoio per agevolare il passaggio dei mezzi di soccorso.

Se potete avvicinatevi ai feriti e se possono comunicare parlateci invitandoli a non muoversi, cercando di rassicurarli che i soccorsi sono in arrivo. Aiutateli a superare questi brutti minuti, ma ricordate che se non siete soccorritori esperti non è consigliabile operare su di loro nessuna manovra, se non dopo aver ricevuto eventuali istruzioni dal personale sanitario chiamato al 118.

LEGGI ANCHE: Auto senza RCA le Forze dell’ordine hanno tre assi nella manica per scovarle

Una volta arrivati i soccorsi sanitari, indicate dove si trovano i feriti e se riuscite indicate quali secondo voi possono essere quelli più gravi. A questo punto se non è specificamente richiesto il vostro aiuto mettetevi in disparte e attendete l’arrivo delle autorità alle quale vi presenterete come testimoni. Se richiesto rispondete a tutte le domande che vi verranno fatte cercando di essere sempre il più precisi possibile e trattenetevi fino al momento in cui vi verrà detto che non c’è più bisogno del vostro aiuto per allontanarvi dal luogo dell’incidente.