Categoria: Volkswagen Pagina 1 di 8

Maggiolino, il 10 Luglio la fine della produzione dell’auto di Volkswagen

Mercoledì 10 Luglio 2019 è terminata la produzione da parte di Volkswagen dello storico Maggiolino, l’auto che ha fatto innamorare milioni di automobilisti nel mondo

Credits foto: @MediasetTgcom24

Volkswagen ha deciso: il Maggiolino esce di produzione e diventa elettrico. Nella fabbrica messicana di Puebla, ecco sfornato l’ultimo esemplare dell’automobile che ha segnato la storia. E anche se da Wolfsburg annunciano la riconversione in elettrico, ecco che il mondo si ferma a salutare un’icona delle vetture. Coupé, cabriolet, piccolo o in versione… maxi: il Maggiolino ha segnato 80 anni di storia.

Una lapide appoggiata su un parabrezza, in un “funerale” tanto profano, quanto solenne. Ecco quanto avvenuto nella fabbrica di Puebla, per un modello, il Maggiolino, che è stato prodotto in quasi 22 milioni di esemplari. Un’enormità…

Un’auto del popolo, ideata da Ferdinand Porsche in epoca nazista e diventata, fin da subito, il simbolo dell’automobile tedesca. A prescindere dal periodo storico, perché il genio, in quanto tale, è trasversale, si dilunga nel tempo, crea il mito. 

Che è passato dalla fotografia al cinema e che in futuro sarà elettrico, ma dal 10 Luglio 2019 sarà comunque diverso. Un po’ più strano, un po’ più spento, un po’ meno… Maggiolino.

ID.3 1ST, aperti i preordini della prima Volkswagen elettrica

La casa di Wolfsburg ha ufficialmente aperto sul suo portale la fase di pre-booking della tanto attesa ID.3 1ST, la versione di lancio con batterie da 58 kWh e autonomia di 420 km.

La piattaforma on-line di Volkswagen in sole 24 ore ha ricevuto più di 10.000 richieste di acquisto provenienti da tutta Europa per la prima elettrica ID.3 1ST! 


Sul sito di Gruppo Bossoni Automobili è possibile iniziare il processo di prenotazione dell’auto cliccando qui!

Un risultato che va oltre le aspettative e che fa ben sperare in un significativo cambiamento delle abitudini di mobilità urbana e extraurbana delle persone. Avete letto bene, extraurbana, perché la nuova ID.3 – la vettura 100% elettrica di Volkswagen – è disponibile con pacchi batterie che assicurano un’autonomia da 330 fino a 550 km nel ciclo WLTP.

L’offerta on-line permette ai clienti – dopo il versamento di una quota di 1.000 € – di aggiudicarsi una delle prime vetture della gamma elettrica ID, entrando a far parte della grande famiglia Volkswagen.

Una volta effettuato il pre-booking bisognerà attendere dopo il Salone dell’Automobile di Francoforte a Settembre per poter finalizzare l’ordine in una delle concessionarie Volkswagen a scelta. Qui ci permettiamo di consigliarvi uno degli showroom Volkswagen Bossoni Automobili di Cremona, Mantova, Bagnolo Cremasco e Piacenza per la loro professionalità e cortesia. 

Quattro colori e tre versioni, tutte equipaggiate con grandi cerchi in lega e una ricca dotazione di serie, a cui si aggiungono:

– ID.3 1ST include anche i comandi vocali e il navigatore satellitare

– ID.3 1 ST Plus aggiunge IQ.Light e design bicolore interno ed esterno

– ID.3 1 ST Max ha anche il tetto panoramico e sistemi avanzati come l’head up display con realtà aumentata

Ci terniamo a sottolineare che la Nuova ID.3 vi verrà consegnata con un bilancio di carbonio neutro. Questo significa che l’energia necessaria per l’intero ciclo di lavoro – sia per la produzione delle batterie che dell’auto – arriverà da fonti rinnovabili. Per quanto riguarda le emissioni prodotte durante il processo di produzione invece, verranno compensate con progetti certificati di tutela del clima. La ID sarà quindi una vettura elettrica che rispetterà il pianeta ancora prima di nascere! 

“Con la ID.3 entreremo nel terzo grande capitolo della nostra storia, dopo quelli del Maggiolino e della Golf, rendendo la mobilità elettrica alla portata di tanti. Abbiamo tanto in serbo”, ha dichiarato Jürgen Stackmann, anticipando l’offensiva elettrica di prodotto in arrivo. Grazie a essa, la Volkswagen punta a diventare la Marca numero uno a livello globale entro il 2025, con circa 20 modelli totalmente elettrici e oltre un milione di veicoli venduti ogni anno, tutti connessi tra loro e a emissioni zero. 

Dalla Lego la replica dell’iconico Volkswagen Bulli T2

La Lego realizza un modellino a grandezza naturale del camper Volkswagen Westfalia Bulli T2 del 1969

Ci sono voluti circa 400mila mattoncini in plastica della celebre casa di costruzioni danese, la Lego, e un team di master market per realizzare una copia identica all’originale del multivan Volkswagen Bulli T2. 

Lungo 5 metri, largo 1,9 e alto quasi 2 – per un peso totale di quasi 700 chilogrammi –  è dotato di tutti gli accessori dell’epoca come piastra elettrica, lavandino, radio, piatti, mobili, letto e tetto estensibile, ma per realizzarlo il team – nonostante il ricorso a un software di moderazione 3D – ci ha impiegato sei settimane di lavoro. 

Duemila ore di paziente assemblaggio, ma il risultato è sorprendente! Sia internamente che esternamente, il camper Volkswagen fatto di mattoncini, non ha nulla da invidiare al suo progenitore se non il fatto di non poter essere guidato su strada. 

Potrete però permettervi di aprire la porta scorrevole laterale e salire a bordo, accomodandovi sui suoi sedili plastici, in quanto la sua struttura permette di supportare il peso di due persone adulte.

“Avremmo avuto bisogno di una settimana da nove giorni”, dice René Hoffmeister, uno dei 12 modellisti certificati da Lego presenti nel mondo, che si è occupato del Volkswagen Bulli, “ma, dato che non esiste, è stato necessario organizzare dei turni di notte”.

L’opera è stata presentata alla f.re.e-Travel and Leisure Fair di Monaco di Baviera, dove ha letteralmente catturato gli sguardi dei visitatori che non si sono fatti scappare l’occasione di scattarsi un selfie insieme all’iconico camper Bulli T2.

Volkswagen Group ci mostra quale strada percorrere per salvare il mondo

Al Salone di Ginevra 2019, Volkswagen Group, ha mostrato alcune delle novità ibride ed elettriche che vedremo nelle concessionarie nel corso dei prossimi mesi 

Vetture estremamente pulite di cui il mondo ha assoluto bisogno: ecco la strada lanciata da Volkswagen Group al Salone di Ginevra 2019! Spetterà a loro infatti il duro lavoro di traghettare gli automobilisti e la loro mentalità verso una nuova era, fatta di auto al 100% elettriche, come la nuova Audi e-tron, la Q4 e-tron, la e-tron GT e la Skoda Vision iV. Tanto elettrico e tante ibride plug-in, come le nuove Audi Q5 Hybrid e Volkswagen Passat GTE 2019. 

Ricordiamo che la nuova Audi e-tron – il primo SUV dotato di due motori elettrici e trazione integrale elettrica – è già nelle concessionarie Audi Bossoni Automobili e grazie al loro contributo sarà la protagonista della quarta tappa dell’Audi Quattro Cup.

Vi sarete chiesti cosa lega il gioco del golf e la Casa dei quattro anelli. È molto semplice, entrambe sono accomunate da una storia ventennale fatta di stile ed eleganza, potenza e controllo, tecnica ed esperienza, libertà di movimento nel rispetto dell’ambiente e della natura. 

LEGGI ANCHE: Audi e-tron scala la pista dello Streif con pendenza dell’85%. Ecco il video!

In occasione della Giornata della Terra Volkswagen Group conferma sul campo il suo impegno nella piena sostenibilità dei propri veicoli. Non per niente l’innovativa piattaforma modulare MEB (Modularer Elektrische-baukasten) è già realtà e oltre a essere la base su cui nasceranno diversi modelli elettrici del gruppo, è disponibile anche per altri costruttori tramite appositi accordi industriali.

Non ci resta che attendere il prossimo anno per vedere e acquistare i primi modelli della famiglia ID, l’offensiva 100% elettrica della casa di Wolfsburg. Pensata per la grande diffusione, la ID avrà un prezzo allineato con quello di una Golf diesel di pari equipaggiamento, quindi perché non dare il nostro contributo per un mondo più pulito e sano.

Volkswagen Golf compie 45 anni

Nonostante i 45 anni e i 35 milioni di esemplari venduti, Volkswagen Golf rimane sempre la stessa

Invariata nel linguaggio stilistico, Volkswagen Golf è un mito capace di essere venduta in tutta Europa alla velocità di un esemplare ogni 41 secondi. Un pilastro per la fabbrica di Wolfsburg dove viene prodotta dal 1974, anno in cui prese il posto dell’iconico Maggiolino. Da allora la fabbrica si è ingrandita e oggi oltre alla Golf vengono prodotte anche la e-Golf, la Golf GTE, la Golf Sportsvan e altri tre modelli.

Ecco le parole di Ralf Brandstätter, Chief Operating Officer di Volkswagen: “La Golf è il cuore della nostra marca. Rappresenta il progresso e la tecnologia come nessun’altra auto. Per esempio, la Golf ha democratizzato la sicurezza portandola per la prima volta a portata di milioni di persone. Grazie a tutto ciò, ha lasciato un segno su intere generazioni”. Brandstätter ha poi sottolineato: “Per sette serie, la Golf ha contribuito alla crescita della Volkswagen, come Brand e come Gruppo, fino a renderla uno dei costruttori di automobili più importanti al mondo”.

Nel 2020 arriverà l’ottava generazione della bestseller tedesca ma, possiamo tranquillamente affermare, che già il modello attuale è un prodotto che sfruttando le tecnologie innovative è in grado di assistere il conducente in situazioni critiche grazie ai migliori assistenti di guida, di assicurarvi la massima affidabilità grazie ai suoi motori e il pieno rispetto dell’ambiente grazie alla riduzione delle emissioni e dei consumi. 

LEGGI ANCHE: “Blocco Euro 6d-Temp, retromarcia della Francia?”

La Golf è un vero e proprio gioiellino capace di superare le classificazioni, costruita per durare nel tempo e non soggetta ai blocchi del traffico nemmeno nella versione a gasolio grazie all’omologazione Euro 6d-Temp.

Sicurezza stradale: Volkswagen e Siemens renderanno gli incroci più sicuri

Un progetto comune per migliorare la sicurezza stradale tramite lo scambio di informazioni tra veicoli e infrastrutture lega la Volkswagen e la Siemens.

I due Colossi tedeschi stanno investendo risorse a supporto dell’obbiettivo Europeo nella creazione di un’unica struttura vincolante per la guida connessa e autonoma in tutta Europa.

L’utilizzo, soprattutto nell’ambito cittadino, delle infrastrutture a supporto della viabilità e del sistema Car2X è essenziale – spiega il Responsabile della sicurezza dei Veicoli Volkswagen Gunnar Koether: “Rispetto alla geo-localizzazione abbastanza imprecisa degli smartphone, l’uso di sensori prossimi al veicolo offre dati molto accurati in un’area critica. Una condizione essenziale per evitare falsi allarmi. Oltre alle difficoltà tecniche, la privacy è un altro aspetto che potrebbe dissuadere le persone dall’utilizzare il proprio smartphone personale”. 

LEGGI ANCHE: Volkswagen Group italia guarda al futuro con il Future Mobility Manager

In futuro gli incroci stradali saranno più sicuri grazie alla nuova tecnologia, che tramite WLANp, permetterà ai veicoli Car2X di comunicare con i semafori. Gli impianti semaforici invieranno i dati sulla presenza di eventuali code, “onde verdi” o più semplicemente quali lampade sono accese in quel momento, in modo da regolare la velocità evitando frenate ed accelerate superflue, migliorando di conseguenza il flusso del traffico.  

A Wolfsburg siamo già nella fase di test! Grazie a un accordo con l’amministrazione comunale della città tedesca, Volkswagen e Siemens hanno già istallato dieci sistemi di segnalazione del traffico sulle principali arterie cittadine che invieranno informazioni sullo stato dei semafori ai veicoli Car2X. Per ora le auto si limiteranno all’elaborazione dei dati e a suggerire informazioni utili al conducente, ma molto presto saranno in grado di intervenire da sole grazie alla tecnologia Car2X WlaNp che verrà introdotta dalla Volkswagen il prossimo anno. 

Il Sindaco di Wolfsburg Falko Mohrs apprezza l’iniziativa della Volkswagen e della Siemens: “Wolfsburg e la Volkswagen hanno deciso insieme di creare un modello di città digitale con il progetto #WolfsburgDigital. Quando le auto e i semafori sono in grado di comunicare, i vantaggi della digitalizzazione diventano tangibili per tante persone”. 



Venite a scoprire l’innovativa e tecnologica gamma Volkswagen nelle Concessionarie Bossoni Automobili di Cremona, Mantova e Bagnolo Cremasco anche in occasione del Porte Aperte di sabato 27 e domenica 28 ottobre 2018.

Volkswagen sigla un accordo strategico con Microsoft 

Volkswagen sfrutterà la tecnologia cloud di Azure, di proprietà della Microsoft, per accelerare la trasformazione digitale nel settore delle Connected Car.

 

Le vetture di Wolfsburg amplieranno molto presto l’offerta di servizi di mobilità e forniranno nuove soluzioni a bordo grazie alla nuova collaborazione tra le due aziende leader di settore. Scopo comune: accelerare la realizzazione della base tecnologica Automotive Cloud – una piattaforma unica per tutto il Gruppo Volkswagen e adattabile a livello globale – sulla quale si appoggeranno tutti i servizi di bordo “One Digital Platform ODP” realizzata sulla base di Microsoft Azure e di Azure loT Edge.

Nello specifico il Colosso tedesco delle automobili aprirà un centro di sviluppo delle nuove tecnologie “Automotive Cloud” in Nord America, vicino a Redmond, dove Microsoft ha la sede ufficiale. In questo modo Volkswagen potrà contare sul supporto diretto in fase di avvio e avere libero accesso a tutte le competenze nel cloud, affinché gli sviluppatori e gli ingegneri, possano imparare lo spirito di collaborazione e l’agilità propri della Microsoft.

LEGGI ANCHE: Volkswagen guarda al futuro grazie al Future Mobility Manager

“La Volkswagen sta sfruttando la tecnologia per trasformarsi in chiave digitale e fornire innovativi servizi di connettività automobilistica ai suoi Clienti”, ha detto il CEO della Microsoft Satya Nadella. “Le Aziende più importanti del mondo utilizzano Azure e siamo felici che la Volkswagen abbia scelto la Microsoft. Insieme reinventeremo l’esperienza di guida per le persone di tutto il mondo”.

La partnership tra Volkswagen e Microsoft punterà ad immettere sul mercato ogni anno – dal 2020 in poi – oltre 5 milioni di nuove Volkswagen totalmente connesse. Questo mette in luce l’interesse globale a investire in cloud computing creati ad hoc per offrire servizi di connettività e collegare i veicoli in rete all’internet of Things (IoT).

Azure è la piattaforma designata per la trasformazione digitale e la rivoluzione della mobilità – perché già collaudata, flessibile e facilmente integrabile – quindi perfetta per le esigenze di Volkswagen che deve permettere alle sue automobili di dialogare tra di loro e con le infrastrutture in totale sicurezza grazie all’intelligenza artificiale (AI).

Johan Kristoffersson e Volkswagen Polo R sono Campioni del Mondo di Rallycross 2018!

Il pilota svedese con il successo americano sul tracciato Circuit of Americas di Austin si aggiudica il secondo titolo WRX.
Grandissimo Kristoffersson, che a bordo di Volkswagen Polo R Supercar “vola” aggiudicandosi il Monster Energy Power Charge Texano del Rallycross, chiudendo la stagione con due gare d’anticipo sulla fine del Campionato!
“È incredibile”, ha detto un entusiasta Kristoffersson, celebrando il suo ultimo successo. “Sta andando tutto alla perfezione per me. Di recente, la qualità nel Campionato Mondiale di Rallycross è molto aumentata e per questo è divertentissimo gareggiare in questa serie. Un enorme grazie va a Petter, a Pernilla e a tutto il team PSRX Volkswagen Sveden  che mi hanno sempre supportato in modo fantastico. E, ovviamente, alla Volkswagen Motorsport che fornisce a me e a Petter la migliore automobile del campionato, la Polo R Supercar”. 
LEGGI ANCHE: l'innovativo 1.0 TSI della UP GTI è Engine of the Year 2018
La Volkswagen Polo R da 570 CV ha dominato la gara statunitense del Campionato Mondiale di Rallycross con un primo e un secondo posto sul podio! Una storia di successi per il Marchio tedesco di automobili che nell’accoppiata Kristoffersson – Solberg ottiene 17 vittorie su 22 gare disputate dall’inizio della Stagione 2018.
“Congratulazioni a Johan per la fantastica stagione”, ha detto il Direttore della Volkswagen Motorsport Sven Smeets. “Non credevo sarebbe stato capace di migliorare la sua prestazione dell’anno scorso. È davvero un grande campione”. 
Dopo il sogno americano, nuove sfide attendono il team PSRX Volkswagen Sweden che – sfruttando al massimo l’abilità dei suoi piloti e l’incredibile potenza della Polo R – cercherà di aggiudicarsi il Titolo Costruttori nell’undicesimo appuntamento stagionale che si terrà all’Estering, in Germania.
Ricordiamo che il due volte Campione Mondiale Supercross Johan Kristoffersson, pochi giorni fa, si è aggiudicato anche la serie TCR Scandinavia a bordo di VW Golf GTI TCR. Venite a scoprire tutta la gamma sportiva nelle Concessionarie Volkswagen Bossoni Automobili di Cremona, Mantova e Bagnolo Cremasco, se le ha scelte lui.. perché non dovreste farlo anche voi!  

Volkswagen Group Italia guarda al futuro con il Future Mobility Manager

Dal primo settembre 2019 una nuova posizione manageriale si è aperta all’interno del Gruppo Volkswagen Italia. A ricoprirla è il 41enne Stefano Sordelli e la sua mission: lo sviluppo di prodotti e servizi legati alla mobilità del futuro.

Da qui si capisce come il Colosso di Wolfsburg stia spostando la propria attenzione verso il futuro fatto di auto intelligenti, connesse e condivise, ibride o elettriche, e in grado di in completa autonomia. In quell’ottica è nata la figura professionale del Future Mobility Manager, che tra l’altro calza a pennello con la figura di Sordelli. In azienda dal 2003, ha prima lavorato nel reparto marketing di SEAT per poi trasferirsi a Martorell per un’esperienza internazionale presso la Casa madre, infine è tornato a Verona dove ha ricoperto il ruolo di Direttore delle vendite di SEAT.

Sposato e con due figli, ora dovrà coordinare i Marchi di Volkswagen Group Italia – Audi, Volkswagen, ŠKODA, SEAT e Volkswagen Veicoli Commerciali – per integrare nei nuovi modelli tutte le tecnologie che favoriranno la propulsione alternativa (elettrica e ibrida) e i servizi di mobilità (tra cui la guida autonoma), in linea con la strategia “Together 2025”.

“Le sfide che la mobilità del futuro ci riserva sono per noi di massima importanza. Avere nella nostra organizzazione un manager completamente dedicato a queste tematiche è strategico e indispensabile. La mobilità di domani avrà molte forme e Volkswagen Group Italia dovrà rispondere velocemente e concretamente alle esigenze dei clienti con azioni e progetti tangibili. Per un’Azienda del nostro calibro, essere preparati e agire in prima persona è assolutamente necessario: è parte del nostro DNA.”

Aspettatevi grandi cose dal Gruppo Volkswagen nei prossimi anni, vi aspettiamo nelle nostre Concessionarie Bossoni Automobili di Cremona, Mantova, Porto Mantovano e Bagnolo Cremasco per scoprire tutta la gamma e le novità in arrivo!

Volkswagen punta alla realtà virtuale per il collaudo dei sistemi di assistenza alla guida

In futuro, il Colosso di Wolfsburg sfrutterà la digitalizzazione nello sviluppo dei prodotti. Oltre alle operazioni di collaudo, il Brand intende spostare anche le scelte di design e di sviluppo nell’ambito virtuale, per ottenere più efficienza e accelerare i processi decisionali atti a semplificare la cooperazione tra i vari settori coinvolti.
Addio ai test su strada! Piloti esperti e milioni di chilometri – tra sole, vento, nebbia, neve e ghiaccio – sulle strade più estreme del mondo non serviranno più!
Presto sarà tutto inutile! Il Gruppo Volkswagen annuncia la svolta nello sviluppo e nel collaudo dei nuovi sistemi di assistenza alla guida: in futuro grazie alla validazione virtuale lo sviluppo delle auto sarà più veloce ed efficiente perché permetterà test infiniti. In pratica il prototipo si muoverà in scenari virtuali come se fosse davvero su strada, permettendo di analizzare il comportamento dei sistemi di assistenza e dando la possibilità agli ingegneri di intervenire subito per cambiare quello che non funziona a dovere.
Tutto avrà inizio con la ID! La prima applicazione di questa tecnologia di test è il sistema di assistenza al parcheggio virtuale – che simula migliaia di aree di parcheggio diverse – lo troveremo sulla prima vettura 100% elettrica di Volkswagen costruita sulla piattaforma MEB, la ID.
LEGGI ANCHE: Volkswagen accelera verso la mobilità elettrica presentando la Nuova piattaforma MEB
Fino ad oggi si è potuto testare manualmente le funzioni integrate nell’auto, ma con l’arrivo della guida autonoma e quindi con l’aumento esponenziale delle funzioni, crescerà la necessità di test più accurati.
Già pronta una piattaforma di simulazione! Per questo motivo gli esperti del Gruppo Volkswagenstanno lavorando al software SimFAS che, in futuro, sarà in grado di generare qualsiasi situazione di guida e di traffico. I suoi sensori analizzeranno i dati dell’ambiente virtuale come se fossero reali mentre il software sarà in grado di riprodurre lo scenario virtuale attraverso un ambiente grafico 3D. Si Potrà quindi osservare il comportamento dei sistemi di assistenza con estrema precisione e in maniera più accurata dei test reali. 
Tra le altre cose gli ingegneri Volkswagen stanno anche lavorando sulla “concept car virtuale”, un modello di veicolo virtuale che gli permetterà di percepire e interagire con interno, esterno, strumenti e sistemi di bordo – modificandoli a piacimento – riducendo il numero dei costosi prototipi fisici. 
Non perdetevi i nostri aggiornamenti e non dimenticate di venite a scoprire e provare su strada tutti i sistemi di assistenza alla guida di Nuova T-ROC 1.6 TDI anche questo weekend – 29 e 30 Settembre – di Porte Apertenelle Concessionarie Bossoni Automobili di Cremona, Mantova e Bagnolo Cremasco. 

Pagina 1 di 8

©2016 Gruppo Bossoni. All Rights Reserved. - Reg.Imp. Bs n.01678370170 - Privacy Policy • powered by kreativemind