Categoria: Mobilità Elettrica

Guida autonoma e intelligente, ecco perché l’innovazione continua ad avanzare

L’aumento del numero di componenti elettronici e di innovazione sulle nostre automobili è il risultato della crescente domanda di sistemi avanzati di assistenza per una guida intelligente

Li vogliono i clienti e li pretendono i governi: nuovi sistemi che permettano una guida intelligente, di pari passo con l’innovazione. Accanto a quelli già consolidati, come l’anticollisione multipla, la frenata d’emergenza e il controllo del mantenimento della carreggiata, stanno emergendo nuove soluzioni, molte delle quali rivolte alla sicurezza. 

Tra questi sistemi, i più interessanti sono il blocco anti-alcol che impedisce l’accensione della vettura se il conducente è al di fuori dei limiti di legge, il dispositivo per la registrazione delle collisioni (scatola nera) e il sistema di chiamata di emergenza. 

Da indiscrezioni sembrerebbe che i governi abbiano già puntato gli occhi su questi dispositivi, che presto saranno oggetto di obblighi normativi, quindi prepariamoci ad averli di serie su tutte le nuove vetture.

Secondo Cadlog, il più grosso distributore europeo di software per la progettazione e la produzione elettronica, l’impiego sempre maggiore di componenti elettronici sui veicoli sono un segno della carica di innovazione tecnologica alla quale è sottoposto il settore Automotive al giorno d’oggi. 

LEGGI ANCHE: Optional per auto, ecco i preferiti in Italia

Questo perché gli automobilisti 2.0 hanno spostato i loro interessi dalla meccanica e dalle prestazioni all’intrattenimento, all’impatto ambientale e alla sicurezza che la guida assistita sta portando. Oggi l’evoluzione del settore automobilistico è guidata da tre variabili chiave: la domanda dei consumatori, la guida autonoma e i veicoli elettrici!

Prepariamoci quindi a sentire sempre più spesso parlare di Ads, l’insieme dei sistemi avanzati di assistenza alla guida sviluppati per automatizzare e adattare la guida aumentando la sicurezza e migliorando l’esperienza a bordo delle automobili. 

Sapete che Google ha firmato un importante accordo con FCA grazie al quale il Van Chrysler Pacifera verrà commercializzato con la guida autonoma marcata Google? Ci saranno molte forme di Ads, alcune funzionalità saranno integrate nella vettura mentre altre le potremo acquistare sotto forma di pacchetti aggiuntivi, come ad esempio gli Audi Innovative.

Spetterà a loro il duro compito di prevenire le collisioni e gli incidenti, e lo faranno attraverso tecnologie in grado di avvisare il conducente o di attivare contromisure che possano assumere il controllo del veicolo. 

In futuro tutto sarà gestito dall’intelligenza artificiale che comanderà luci, velocità, frenata e percorso integrando gli avvisi sul traffico e connettendosi ai dispositivi personali, oltre a basarsi sugli input inviati da sensori, sistemi di immagini, Lidar, radar, sistemi di visione artificiale e collegamenti interni ed esterni alla vettura (V2V o V2X). Ma di questo avremo tempo di parlare ancora molto presto. 

Auto ibride ed elettriche: arrivano gli incentivi dal Governo

La Commissione bilancio della Camera ha approvato la manovra che incentiva l’acquisto di auto ibride ed elettriche e penalizza quelle più inquinanti che, dall’1 Gennaio 2019, verranno tassate in base alle loro emissioni.

Nulla è ancora deciso, l’ultima parola spetta al Senato, ma dalle polemiche delle scorse ore la proposta di tassare l’acquisto delle auto più o meno inquinanti potrebbe non piacere e quindi essere rimandata al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

LEGGI ANCHE: pericolo incidenti, ecco le strade più pericolose d'Italia

Mettiamo però il caso che questo non avvenga, che la manovra del Governo abbia via libera e venga pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, per gli automobilisti e per le Case automobilistiche ci sarebbero diversi cambiamenti a partire dal primo Gennaio 2019. Vediamo quali:

se da un lato l’introduzione di incentivi economici per l’acquisto di auto ecosostenibili – con emissioni di CO2 fino a 90 g/km – permetterà di usufruire di un contributo che può arrivare fino a 6.000 €, dall’altro chi acquisterà vetture più inquinanti – che emettono più di 110 g/km di anidride carbonica – sarà costretto a versare una somma proporzionale alla quantità di sostanze nocive emesse nell’aria dal veicolo.

LEGGI ANCHE: autovelox invisibili, dove sono gli Scout Speed in italia

Quindi, nel dettaglio, chi acquisterà una vettura con emissioni di CO2 tra i 70 e i 90 g/km, avrà diritto ad un incentivo di 1.500 euro, con emissioni tra i 20 e i 69 g/km l’incentivo salirà a 3.000 €, mentre per una vettura elettrica con emissioni da 0 a 20 g/km il bonus arriverà fino a quota 6.000 euro. Attenzione però che i contributi non sono infiniti, il Governo infatti stanzierà solo 300 milioni di euro all’anno per i prossimi tre anni.

Chi invece deciderà di acquistare una vettura con emissioni sopra i 110 g/km, dovrà pagare una sovrattassa che parte da 150 euro per le vetture con emissioni tra i 110 e i 120 g/km per arrivare a 3.000 euro se si superano i 250 g/km.

Ecco lo schema progressivo (provvisorio) delle nove fasce soggette a imposta aggiuntiva:

  • da 110 a 119 g/km: 150 euro
  • da 120 a 129 g/km: 300 euro
  • da 130 a 139 g/km: 400 euro
  • da 140 a 149 g/km: 500 euro
  • da 150 a 159 g/km: 1.000 euro
  • da 160 a 174 g/km: 1.500 euro
  • da 175 a 189 g/km: 2.000 euro
  • da 190 a 249 g/km: 2.500 euro
  •  oltre i 250 g/km: 3.000 euro.

 

Aspettiamo la risposta del Senato su questa novità del bonus-malus sulle emissioni. Sappiate che la nuova imposta, così pensata, coinvolgerebbe la metà delle auto acquistate nel corso del 2018. Speriamo eventualmente in una pronta risposta da parte delle Case automobilistiche.

 

Enel X semplifica la ricarica delle auto elettriche grazie al nuovo accordo all’insegna dell’interoperabilità

Enel X, la società del Gruppo Enel dedicata ai prodotti innovativi e le soluzioni digitali per la ricarica delle vetture elettriche, ha siglato un importantissimo accordo con la startup evway by Route220.

Un altro importante passo verso la semplificazione della ricarica delle vetture elettriche è stato fatto grazie ad Enel X, che, siglando accordi con HeraIren, Alperia e la piattaforma evway, permetterà ai possessori di auto alla spina di ricaricare la propria vettura anche attraverso le infrastrutture di altri gestori. 

Nello specifico l’intesa consentirà ai clienti dell’app evway di utilizzare le stazioni di ricarica di Enel X, installate su tutto il territorio nazionale, accedendo alle informazioni relative alla localizzazione delle stazioni, la potenza disponibile, il tipo di presa e le modalità di accesso. In particolare sarà possibile utilizzare le colonnine Quick da 22 kW presenti nelle aree urbane e le Fast da 50 kW per la ricarica veloce delle auto.

L’obbiettivo è quello di offrire un servizio capillare con criteri qualitativamente elevati che favorisca la diffusione delle auto elettriche e renda più facile la vita di coloro che hanno scelto uno stile di guida green. 

Per questo Enel X poserà circa 7mila colonnine entro il 2020 per arrivare a 14mila nel 2022 – suddivise in colonnine Quick (22 kW) nelle aree urbane e Fast (50 kW) e Ultra Fast (da 150 kW a 350 kW) in quelle extraurbane – con un investimento tra i 100 e i 300 milioni di euro. 

©2016 Gruppo Bossoni. All Rights Reserved. - Reg.Imp. Bs n.01678370170 - Privacy Policy • powered by kreativemind