Riciclare è la parola d’ordine per un futuro più pulito. Le batterie agli ioni di litio, attualmente, sono le più utilizzate per efficienza e leggerezza ma presentano un grande difetto: l’impatto sull’ambiente!

I moderni dispositivi di storage (batterie ricaricabili) sono difficili da riciclare, recuperare il litio dai materiali inorganici presenti al loro interno è quasi impossibile oltre a richiede notevoli quantità di energia e di sostanze chimiche tossiche. Purtroppo, come avrete avuto modo di constatare voi stessi, le batterie agli ioni di litio non sono eterne, spesso vanno cambiate, ma le risorse mondiali di questo materiale sono limitate. 

Bisogna quindi correre ai ripari! La prima soluzione arriva fresca fresca dalla Svezia, dove un gruppo di ricercatori dell’Angstrom Laboratory (Uppsala University), ha annunciato lo sviluppo di una nuova batteria a base di litio riciclato – composta da biomateriali organici rinnovabili – in grado di erogare fino al 99% dell’energia posseduta in origine. 

Leggi anche: Oxygene, lo pneumatico connesso ed ecologico

Come spiegano i ricercatori dell’ateneo, ora grazie alla resina dei pini e all’erba medica sono riusciti a ottenere materiali, che combinati a prodotti chimici non pericolosi come l’etanolo e l’acqua, sono in grado di rigenerare e donare nuova vita al litio presente nelle batterie. Sembra infatti che il litio estratto da una batteria scarica se mescolato con altro biomateriale possa essere utilizzato per una nuova batteria.

 “L’uso di materiali organici da fonti rinnovabili permette di risolvere molti dei problemi che deriverebbero da un enorme aumento nell’uso di batterie al litio. Soprattutto, si tratta però di un importante passo avanti per far sì che, ad un alto livello e in modo semplice, ecologico, il litio possa essere recuperato da queste batterie. È una soluzione potenzialmente anche molto conveniente.

Sono le parole di Daniel Brandell, professore associato presso il Dipartimento di Chimica dell’Università di Uppsala, che aggiunge:

 “Pensiamo che la nostra scoperta possa aprire più porte a soluzioni ad alta efficienza energetica più ecocompatibili per le batterie del futuro”. 

La ricerca sullo stoccaggio energetico ha compiuto un nuovo passo verso la realizzazione di batterie eco-friendly che non pesano sull’ambiente sia nella fase produttiva che in quella di smaltimento.