La 1000 Miglia si chiude con una vettura del Biscione su ogni gradino del podio. 

A novant’anni dalla prima vittoria, non poteva assolutamente andare meglio di così!

Il Biscione domina quest’edizione da record con 450 equipaggi in gara alla Mille Miglia 2018. Protagonista assoluta la Alfa Romeo 6C 1500 GS Testa Fissa del 1933 con equipaggio Tonconogy-Ruffini che per la terza volta si piazza sul gradino più alto del podio (già vincitori nel 2013 e nel 2015).

La carovana delle vetture storiche in gara ha fatto un passaggio celebrativo a Milano e ad Arese presso il Museo Alfa Romeo “La Macchina del Tempo” dove tra l’altro si sono svolte alcune prove cronometrate sullo straordinario circuito interno. Presenti anche Marcus Ericsson e Charles Leclerc, i piloti della scuderia Alfa Romeo Sauber F1 Team, che hanno guidato una Gran Premio Tipo B del 1932 e una 750 Competizione del 1955. 

Al secondo posto, con sole otto penalità di distanza dal vincitore, è arrivata la stupenda Alfa Romeo 6C 1500 Super Sport del 1928 condotta dal grande Giovanni Moceri e Daniele Bonetti, vettura carrozzata Farina del comparto FCA Heritage (normalmente in mostra presso il Museo Storico Alfa Romeo). 

La 1000 Miglia è stata definita “Popolare ma elitaria, tecnica ma accessibile a tutti” dal suo presidente Aldo Bonomi, che ha anche aggiunto: “ Abbiamo avuto risposte positive sia per la gara sia per il coinvolgimento del pubblico, la grande accoglienza, il numero di partecipanti e il successo della Notte Bianca ci ha fatto capire quanto la gara sia ben voluta.” 

Chiudiamo con il meritatissimo terzo posto dell’Alfa Romeo 6C 1750 SS Zagato, condotta dal duo Vesco-Guerini e segnalando che tutte le vetture Alfa Romeo iscritte da FCA Heritage hanno concluso la rievocazione della “corsa più bella del mondo” con piazzamenti più che onorevoli.

Leggi anche: Stelvio Quadrifoglio, è italiano il SUV più veloce al mondo!

Un altro splendido risultato per il Biscione, che ha festeggiato oltre che sul palco del Castello e in Piazza della Loggia, anche all’interno dello stand Alfa Romeo allestito in Piazza della Vittoria dove numerosi affezionati del marchio, provenienti da tutto il mondo, hanno potuto ammirare l’intreccio tra passato e futuro tramite l’esposizione da parte della Casa di Arese di Stelvio Quadrifoglio da 510 CV e testare su strada il massimo piacere di guida all’interno de “La Meccanica delle Emozioni”. 

Le Concessionarie Gruppo Bossoni hanno messo a disposizione vetture del calibro di Stelvio Q4 e Giulia Veloce Q4 per esclusivi test drive che hanno permesso ai più appassionati, di provare il brivido di una vettura d’eccellenza.

Questa edizione 2018 entra dunque di diritto nella storia di Alfa Romeo, e per ripercorrere le altre tappe più significative della storia del brand alla Mille Miglia è nato il progetto “Alfa Romeo: la Mille Miglia in 90 luoghi” di cui parleremo nel prossimo articolo.