Il Disegno di Legge presentato dal governo porterebbe all’eliminazione del Superbollo sui veicoli con potenza superiore ai 251 CV.

In arrivo possibili novità per gli amanti delle Supercar, al Senato infatti è appena stato depositato un Disegno di Legge sull’abolizione del tanto temuto Superbollo

Il Superbollo abolito? È possibile. Nella nota accompagnatoria al Disegno di Legge appena depositato al Senato si evidenzia come dalla sua entrata in vigore nel lontano 2011, il Superbollo abbia portato a un drastico calo delle immatricolazioni delle supersportive con potenze superiori ai 185 KW e di conseguenza minor introiti per le Case produttrici, per le officine e per i produttori di componentistica. 

La sovrattassa quindi non avrebbe generato il tanto auspicato incremento del gettito erariale di oltre 160 milioni di euro ma, in realtà, avrebbe solo prodotto ingenti perdite per le casse dello Stato, per le Regioni e per le Province. 

LEGGI ANCHE: Ecobonus, cos’è e quando entrerà in vigore

Da qui la proposta di eliminare il Superbollo! Nel Disegno di Legge viene evidenziato come la finalità originale della tassa di lusso sulle auto sportive abbia fallito il suo compito e viene elencata come unica soluzione, per ripristinare la domanda di questa tipologia di automobili, l’abolizione della stessa. 

LEGGI ANCHE: Reddito di Cittadinanza, anche le auto possono influire sull’assegnazione. 

Ci teniamo a sottolineare che l’Italia è il Paese d’eccellenza per quanto riguarda la costruzione di auto sportive, dobbiamo quindi cercare in tutti i modi di valorizzare il nostro territorio e la produzione delle vetture stesse. In attesa dell’arrivo del bollo unico europeo – che dovrebbe arrivare intorno al 2025 – solo con l’eliminazione del Superbollo si potrà assicurare un ritorno della richiesta e di conseguenza generare nuovi posti di lavoro.