Blocco Euro3: a Milano una nuova ZTL

La città meneghina il 25 febbraio 2019 chiuderà il 70% delle sue strade alle auto a benzina Euro 0 e ai diesel Euro 0,1,2,3 senza deroghe per over 70 e disoccupati. 

La guerra all’inquinamento è iniziata e non finisce certo qui, progressivamente – per fasi successive – si arriverà fino al blocco totale di tutti i diesel nel 2030. Tutto è già stabilito, come la data di ottobre 2019 in cui si dovranno fermare anche le auto diesel Euro 4.

A comunicarlo l’assessore all’Ambiente del Comune di Milano, Marco Granelli.

L’unico salvagente – come per il Piano aria della Regione Lombardia – sarà riservato alle persone con un reddito ISEE inferiore ai 14 mila euro e ai commercianti, che potranno accedere agli incentivi per il cambio della propria vecchia auto inquinante. Una piccola eccezione è stata prevista per i piccoli ambulanti che, in possesso di una concessione negli spazi dei mercati comunali rionali, potranno circolare per un massimo di 1.000 chilometri annui anche con veicoli euro 3 o 4, ma solo se dotati di una speciale “scatola nera”. 

La ZTL più grande d’Italia sta quindi per partire! L’Area B di Milano, che si estenderà su oltre il 70% del territorio cittadino, dopo un primo slittamento di circa un mese, è ormai alle porte. A sorvegliare i suoi confini per il momento ci saranno solo 15 telecamere attive, ma che cresceranno esponenzialmente fino a diventare 180 entro il 2020. 

Se l’incubo “multa” vi sta già mandando nel panico, sappiate che per i primi dodici mesi dall’entrata in vigore del divieto di accesso, verranno concessi 50 ingressi, di un giorno, a tutti – anche ai non residenti – dopo i quali scatteranno le multe con un importo minimo di 80 euro. I residenti e i dipendenti delle aziende con sede a Milano avranno inoltre un pass di 25 accessi annui e chi ha auto storiche – dotate di certificato di rilevanza storica – potrà circolare per 25 giorni all’anno. 

LEGGI ANCHE: arrivano gli incentivi per la rottamazione delle auto diesel e benzina Euro 3

Area B è la nuova zona a traffico limitato di Milano che bloccherà l’ingresso in città a circa 680 mila veicoli e sarà in vigore a partire da lunedì 25 febbraio 2019, dal lunedì al venerdì dalle 7:30 alle 18:30. 

Questo provvedimento darà un aiuto significativo a migliorare la qualità dell’aria – ha detto Granelli -. Non possiamo più aspettare anche se sappiamo che chiediamo sacrifici a cittadini e imprese”.

Volvo V40: tutto quello che vuoi!

Le Concessionarie Volvo Gruppo Bossoni di Brescia, Orzinuovi e Desenzano del Garda vi presentano l’incredibile promozione - nata dal contributo di Volvo Auto Italia e dalla rete di concessionarie aderenti - che permette a chi sottoscrivere un contratto entro il 30/11/2018 di avere Volvo V40 T2 Plus all’imperdibile prezzo di 18.600,00 euro a fronte di un listino di 24.650,00.

Se siete alla ricerca di un’auto premium rigorosa che sia maneggevole e sicura, dinamica e piacevole da guidare ma che al tempo stesso offra un confort senza eguali, Volvo V40 è sicuramente l’auto che fa per voi! 

LEGGI ANCHE: nuova Volvo V60 Cross Country

Il suo design in classico stile scandinavo – cofano basso ma pronunciato che si contrappone alla coda alta – riflette la sua personalità, mentre i gruppi ottici a LED dal design esclusivo e un posteriore dominato dai caratteristici fari a sviluppo verticale e al pannello in vetro nero donano alla V40 una certa sicurezza di sé – che accresce la tua individualità.

Progettata per rendere speciale ogni giornata, Volvo V40 T2 Plus è un’auto di prestigio da guidare tutti i giorni, caratterizzata da linee pulite, contemporanee e un carattere potente e sportivo. Parte del merito va al suo potente motore 2.0 Turbo benzina da 122 CV, che si caratterizza per il giusto mix tra efficienza e prestazioni, offrendo un’entusiasmante esperienza di guida. Da segnalare inoltre – nella ricca dotazione di serie – l’impianto audio high performance 4x45W con 8 altoparlanti che, concepito per una riproduzione eccellente e potente del suono, offre una qualità impareggiabile oltre allo Streaming Bluetooth e alla presa USB.  

LEGGI ANCHE: nuova Volvo S60, la berlina sportiva costruita negli Stati Uniti

Volvo V40 T2 Plus completa la sua dotazione con i fari a LED Mid Level a livellamento automatico per luci anabbaglianti e abbaglianti che includono le famose luci diurne a forma di “martello di thor”. Per ultimo, il Cruise Control, che, azionato comodamente dal volante migliora il confort di guida in autostrada mantenendo la velocità selezionata.  

LEGGI ANCHE: Volvo aumenta la coppia motrice delle sue vetture a trazione integrale grazie al sistema Polestar

Non perdetevi l’occasione di acquistare la berlina compatta, con motore a benzina che consuma pochissimo, ricca di charme, con la personalità e il prestigio del marchio Volvo nelle Concessionarie Gruppo Bossoni di Brescia, Orzinuovi e Desenzano del Garda entro il 30/11/2018 all’incredibile prezzo di 18.600,00 euro!

Per maggiori informazioni CLICCA QUI!

Sicurezza prima di tutto: ricordiamo che Volvo V40 T2 Plus è una berlina talmente innovativa che oltre a offrire di serie tutto l’indispensabile per la sicurezza è anche l’auto che ha portato al debutto l’airbag esterno che protegge i pedoni in caso d’investimento! 

Auto con targa estera: il Decreto Sicurezza cambia le regole!

Finalmente dal Governo arriva il tanto atteso giro di vite, che frena l’immatricolazione delle auto all’estero, alle persone residenti in Italia. 

All’interno del Decreto Sicurezza, appena approvato dal Senato, sono contenute importanti modifiche al Codice della Strada atte a bloccare i furbetti delle targhe straniere, cioè le persone – italiani e stranieri – che pur abitando in Italia immatricolano le proprie auto all’estero per non pagare le tasse, le sanzioni e l’assicurazione. 

Da oggi le cose cambiano o almeno in parte! A sorpresa nel testo del Decreto Sicurezza spunta una norma che modifica gli articoli 93 e 132 del Codice della Strada vietando agli stranieri residenti in Italia da più di 60 giorni di circolare con la targa del proprio Paese e agli italiani di guidare auto con targhe straniere

Con il maxiemendamento è finita la pacchia per i furbetti che acquistano o esportano la propria auto all’estero assicurandosi diversi vantaggi fiscali (illeciti). Grazie a questo giro di auto e targhe estere si riusciva a sfuggire al fisco, non pagare il superbollo e nemmeno le sanzioni amministrative. 

Oggi la nuova disciplina prevede a chi viola il divieto una sanzione amministrativa da 712 a 2.848 euro e il fermo del veicolo fino a nuova immatricolazione italiana, che deve essere fatta entro 180 giorni per evitare la confisca del mezzo. Un freno mica indifferente alla nuova moda, che lascia come unica alternativa a chi non vuole reimmatricolare in Italia la propria auto, l’esportazione all’estero con documenti provvisori (dove potrà riavere le proprie targhe confiscate dalle Forze dell’Ordine).

Tutto corretto finora, se non fosse che ci si è dimenticati di estendere il divieto di circolazione anche alle auto con targa estera intestate alle società di leasing o noleggio oltralpe. La beffa arriva nel caso il veicolo risulti di proprietà di un’impresa di leasing o noleggio europeo. Se quest’ultima non ha una sede secondaria in Italia, il veicolo ha la libertà di circolazione sul territorio nazionale senza limitazioni di tempo, purché a bordo sia presente un documento sottoscritto dalla società mandataria che attesti la data e la durata del contratto. Se quel pezzo di carta dovesse mancare la responsabilità ricadrebbe sul conducente, che oltre a essere sanzionato con una multa da 250 a 1.000 euro, avrebbe 30 giorni di tempo per presentare il documento e non far scattare il fermo amministrativo del veicolo

Finora le associazioni di categoria non hanno lasciato trapelare nulla sull’intenzione di proporre una modifica alla legge per contrastare i furbetti dei leasing e dei noleggi esteri, chissà magari la troveremo nella futura legge di bilancio.  

Bologna-Monaco di Baviera: l’autostrada intelligente basata sulla tecnologia 5G, che ci anticipa la mobilità connessa e automatizzata.

L’Italia scende in campo per la realizzazione di una rete di strade e autostrade connesse con tecnologia 5G per la mobilità del futuro. 

Se in futuro le strade europee saranno in grado di comunicare in tempo reale i dati sull’inquinamento, sul traffico e sulle eventuali emergenze, sarà grazie all’Università di Bolzano. La facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche infatti è uno dei 25 partner europei del progetto triennale 5G-CARMEN “Connected and Automated Road Mobility in the European Union” guidato dalla Fondazione Bruno Kessler di Trento che, con finanziamento complessivo di 18,5 milioni di euro – di cui 14,9 erogati dall’Unione Europea – trasformerà l’autostrada Bologna- Monaco in un corridoio digitale 5G.

In questo contesto l’Università di Bolzano ha l’importante compito di sviluppare l’edge computing – ovvero l’architettura IT predisposta per le tecnologie di mobile computing e per l’Internet of Things – sui 600 chilometri di strade che attraversano l’Italia, l’Austria e la Germania. La scelta è ricaduta su uno degli assi europei più importanti per la mobilità delle persone e delle merci, con lo scopo di migliorarne la mobilità grazie al passaggio dal 4G al 5G che incrementerà la velocità dello scambio dati e di conseguenza i servizi. 

il futuro è alle nostre porte, o meglio sulle nostre strade, grazie al progetto 5G-CARMEN e al professor Claus Pahl dell’ateneo bolzanino che ci spiega: «La nostra expertise sarà applicata nell’ambito dell’ingegneria del software e mirerà a rendere più efficiente l’analisi e la trasmissione dei dati per mezzo dell’edge computing. Al posto di un’architettura cloud centralizzata ne avremo una più capillare che consentirà una comunicazione più snella e un migliore coordinamento tra veicoli e servizi di informazione esterni».

Cruciale, nel piano europeo, sarà dunque la tecnologia 5G e la presenza di uno standard comune nei sistemi di comunicazione che permetterà alle auto di interfacciarsi con le infrastrutture in totale sicurezza scambiandosi dati quali la velocità ottimale per non incappare negli ingorghi, la presenza di incidenti, l’arrivo di un mezzo di soccorso, gli aggiornamenti sul traffico e sul meteo.

FCA anticipa tutti con la “SuperRottamazione” di Fiat, Lancia e Abarth

I Brand Fiat, Lancia e Abarth rilanciano la “SuperRottamazione”, un’offerta imperdibile che questo mese vi permetterà di mettervi al volante di una vettura nuova a prezzi incredibili, quasi mai visti prima!

FCA dimostra ancora una volta la propria vicinanza agli italiani, offrendo una supervalutazione della loro auto usata o da rottamare in modo da permettere l’acquisto di una vettura in pronta consegna – più ecologica e sicura – a condizioni estremamente vantaggiose e con piani finanziari dedicati.

Presso tutte le Concessionarie FCA Gruppo Bossoni di Brescia, Mantova e Cremona grazie alla “SuperRottamazione” a novembre potrete acquistare nuova Panda all’incredibile prezzo di partenza di 7.000 euro, Fiat 500 a partire da 9.950, Fiat 500X da 15.000 euro, Fiat Tipo 5 porte da 11.900 euro e Lancia Ypsilon da 8.750 euro.

Avete capito bene, la casa italiana con la promozione chiamata “Be-Smart Meno1500/Super Rottamazione” di FCA Bank propone una formula di finanziamento senza anticipo della durata di 36 o 48 mesi garantendo il valore futuro garantito della vostra auto. Al termine del contratto avrete la possibilità di decidere se tenere l’auto pagando la maxi-rata, sostituirla con un’altra auto o restituirla.

L’iniziativa è stata pensata per agevolare il rinnovamento del parco auto italiano – che figura tra i più anziani e inquinanti d’Europa – con importanti benefici sulla sicurezza e sull’impatto ambientale.

Il nostro pianeta sta inviando dei messaggi in cui chiede meno inquinamento, FCA dal canto suo risponde estendendo l’offerta dellaSuperRottamazione” anche alla propria gamma a Metano e Natural Power GPL, la più pulita e sicura disponibile sul mercato. In questo caso l’offerta prevede sconti fino a 4.700 euroaderendo al finanziamento di FCA Bank – e tutta la tranquillità del valore futuro garantito dopo tre anni.

Per tutti i dettagli e maggiori informazioni vi aspettiamo nei nostri Showroom FCA Gruppo Bossoni di Brescia, Mantova e Cremona anche in occasione del Porte Aperte di sabato 17 – domenica 18 novembre e sabato 24 – domenica 25 novembre.

 

Arrivano gli incentivi per la rottamazione delle auto diesel e benzina Euro3

Lo ipotizza il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa durante un’intervista concessa al mensile l’Automobile, dell’ACI. 

Cari automobilisti, dopo mesi di attesa ecco che il Governo apre la porta agli incentivi per la rottamazione dei veicoli più inquinanti, ovvero quelli classificati Euro 0, 1, 2 e 3. La proposta è stata ventilata dall’attuale Ministro dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare Sergio Costa che ha già attivato un dialogo con il collega, nonché Ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli per arrivare in tempi brevi a una soluzione condivisa sull’incentivazione per la sostituzione delle vetture più vecchie e inquinanti. “Ritengo che ci sia un buon accordo per trovare una soluzione condivisa da entrambi” ha dichiarato Costa.

Gli incentivi alla rottamazione sono sicuramente un’ottima misura per aiutare e convincere gli automobilisti italiani ad acquistare un modello più recente, meno inquinante e sopratutto più sicuro. Un bonus che si tradurrà in uno sconto sul prezzo di listino dell’auto nuova, che – ipotizziamo – potrà essere a benzina, diesel, ibrida ed elettrica, purché omologata secondo la più recente normativa WLTP.  

Durante l’intervista, il Ministro, ha inoltre speso due parole a favore della mobilità elettrica a emissioni zero, affermando che: “Le auto elettriche rappresentano uno dei migliori sostituti alle auto maggiormente inquinanti. il mio ministero è promotore di accordi con gli altri ministeri coinvolti per la ricarica di una soluzione ottimale. Inoltre, l’auto elettrica fa parte del nuovo sistema di concepire la tutela ambientale e della salute e questo è un tema su cui prometto il mio massimo impegno affinché il Governo si faccia promotore della sua diffusione”.

Non ci resta che attendere gli sviluppi di questo dialogo, sperando per il bene nostro e dell’ambiente, in una risposta positiva che porti alla sostituzione dei circa 7,6 milioni di veicoli più anziani, che hanno almeno 19 anni di vita ( la normativa euro3 è uscita nel 1999). Continuate a seguirci per maggiori informazioni. 

Nuova T-Cross: il City SUV secondo Volkswagen

A Wolfsburg nasce un nuovo modo di vivere la città, si chiama T-Cross ed è lo sport utility a marchio Volkswagen che promette praticità, versatilità e quel pizzico di esclusività che non guasta mai.

La Nuova T-Cross entra di diritto a far parte della tanto ambita T-Family grazie al suo carattere distintivo – caratteristica di tutti i SUV e Crossover VW – e alle dimensioni compatte, che la rendono la piccola di casa ma la grande e raffinata per il pubblico.

Con i suoi 4,11 metri di lunghezza la Nuova T-Cross si presenta agile e scattante come una Polo ma con qualcosa in più che convince da subito i giovani e non più giovani.

T-Cross, infatti, piace per il suo stile calibrato e la veste informale, ma anche per gli altissimi standard che ne fanno un punto di riferimento della categoria. Già nella versione “Urban” la City SUV offre diversi livelli di personalizzazione – per esterni e per interni – vari sistemi di assistenza alla guida, alla connettività e all’infotainment, tutti di serie.

Adatta all’uso di tutti i giorni, la nuova crossover di segmento B promette praticità e raffinatezza nell’uso cittadino ma anche sicurezza e affidabilità nell’uso extraurbano o sullo sterrato.

Tutta questa praticità grazie a un design che permette una buona abitabilità interna – accoglie fino a cinque persone adulte – una buona flessibilità e un bagagliaio di tutto rispetto, grazie ai suoi 385 litri in configurazione standard, che diventano 455 con il divanetto tutto in avanti e 1.281 con i sedili completamente abbassati.

La T-Cross regala inoltre molta sicurezza, merito di una buona visibilità offerta dalla seduta rialzata, dell’esemplare protezione dei passeggeri in caso di urto e dalle straordinarie tecnologie racchiuse nei sistemi di assistenza alla guida, che, ricordiamo, servono a ridurre il pericolo di collisione e aumentare il comfort di marcia. Questi comprendono:

· Il rilevatore di stanchezza del conducente

· Il sistema di monitoraggio della distanza Front Assist con riconoscimento pedoni e funzione di frenata d’emergenza City

· L’assistente al mantenimento della corsia Lane Assist

· L’assistente al cambio di corsia con rilevamento dell’angolo cieco

· L’assistente di uscita in retromarcia dai parcheggi

· L’assistenza alla partenza in salita e il sistema di protezione produttiva degli occupanti

T-Cross, infine, si rivela un vero must, offrendo ai più esigenti un collegamento di rete del massimo livello, dove l’uso e la personalizzazione delle funzioni di bordo saranno molto intuitive. Questo si traduce nella possibilità di avere fino a quattro prese USB e la ricarica wireless, – una garanzia di collegamento e di ricarica – ai quali si aggiungono l’impianto multimediale di ultima generazione Composition Media da 8 pollici e il sistema Beats da 300 Watt – per un perfetto asset!

Arriverà negli Showroom Volkswagen Bossoni Automobili di Cremona, Mantova e Bagnolo Cremasco l’anno prossimo! In attesa di vederla su strada vi anticipiamo le 3 efficienti motorizzazioni – Turbo – disponibili al lancio: due benzina a tre cilindri 1.0 TSI da 95 e 115 CV – entrambi dotati di filtro antiparticolato – e un diesel 1.6 TDI da 95 CV omologato Euro 6 D-TEMP. 

Audi e-tron, l’avveniristico SUV 100% elettrico sceglie le centrali idroelettriche italiane per il suo reveal

Dopo mesi di anticipazioni Audi entra ufficialmente nell’era dell’elettrico e lo fa con e-tron il suo primo modello a zero emissioni. 

La Casa tedesca, forte dell’accordo con Enel X sull’offerta di servizi per la ricarica, è pronta a invadere il mercato di vetture 100% elettriche a zero emissioni e diventare sia leader nella mobilità elettrica che nella fornitura dei pacchetti di servizi correlati. 

L’Audi e-tron, il primo SUV del Brand dei Quattro Anelli nato da questa ideologia, è stato presentato in questi giorni ai clienti e appassionati in due serate-evento un pò particolari.

LEGGI ANCHE: svelata e-tron la prima Audi 100% elettrica 

Come sedi dell’anteprima nazionale, le imponenti centrali idroelettriche di Trezzo d’Adda e di Nove-Vittorio Veneto – entrambe di proprietà di Enel Green Power – veri capolavori di ingegneria e perfetti esempi di come si produce energia elettrica “pulita” da fonti rinnovabili. 

LEGGI ANCHE: Audi ed Enel l’ecosostenibilità passa per Cortina

Audi e-tron esprime appieno il concetto di sostenibilità – essendo il primo modello di serie totalmente elettrico del brand dei Quattro anelli – capace di concentrare tutta l’essenza in termini di avanguardia tecnologica. Il SUV 100% elettrico è un vero concentrato tecnologico a trazione integrale, mosso da un powertrain a zero emissioni da 408 CV capace di percorrere oltre 400 chilometri con un pieno di energia (nel ciclo WLTP) e l’unico veicolo al mondo in grado di ricaricarsi dalle nuove colonnine ad alta capacità da 150 KW. 

Ricordiamo che questa tipologia di ricarica permette alle auto di ripristinare l’80% dell’energia delle batterie, in meno di 30 minuti e che grazie all’accordo tra Audi ed Enel le vetture di Ingolstadt potranno accedere all’infrastruttura di ricarica di Enel X attraverso un profilo dedicato sulla App e-go ricarica. 

LEGGI ANCHE: Ionity punta a diventare la rete europea per la ricarica rapida delle auto elettriche

E’ giunta l’ora di cambiare le nostre abitudini, scacciare le paure, ricominciare ad amare il mondo e la vita, e se questo vuol dire guidare auto ecologiche perché farà bene alla terra e al corpo, perché no! Tra l’altro vi ricordiamo che molto presto avremo a disposizione una infrastruttura di ricarica dei veicoli elettrici capillare grazie al sodalizio di Audi con Enel e alla nascita della rete europea Ionity.

Audi e-tron, il nuovo SUV secondo Audiporta al debutto la nuova trazione integrale elettricale funzioni on demand, gli specchietti retrovisivi esterni virtuali e tutta la tecnologia dei modelli top di gamma, dai quali mutua la connettiva, la digitalizzazione delle funzioni di bordo e i sistemi di assistenza alla guida, che ricordiamo servono per garantire più sicurezza e di conseguenza maggiore confort a bordo. 

Dotata di batterie da 95 KW Audi e-tron offre prestazioni superiori ai moderni motori termici – i suoi 664 Nm di coppia sono disponibili in soli 250 millesimi di secondo – con uno scatto da 0 a 100 km/h di 5,7 secondi e una velocità massima autolimitata di 200 Km/h. Un’incredibile accelerazione, una guida silenziosa e la meravigliosa sensazione di muoversi liberi dalle emissioni in un mondo più verde, questo è il fuori secondo Audi!

Audi e-tron è già ordinabile tramite il sito internet dedicato e presto anche nelle Concessionarie Audi Bossoni Automobili di Cremona, Porto Mantovano e bagnolo Cremasco. Vi aspettiamo per scoprire insieme le infinite possibilità della mobilità elettrica nella vita di tutti i giorni nei nostri Showroom Audi nel mese di dicembre!

La Jeep Grand Cherokee entra nell’Arma dei Carabinieri 

FCA fornisce all’Arma dei Carabinieri una flotta di 19 Jeep Gran Cherokee 3.0 V6 CRD da 190 CV dotate di cambio automatico a 8 rapporti e trazione integrale che saranno impegnate nella lotta al terrorismo.


Contraddistinte dalla classica livrea blu istituzionale le 19 Jeep Gran Cherokee dei Carabinieri sono pronte a difendere tutto il territorio nazionale grazie alle loro incredibili doti off-road che le permetteranno di affrontare qualsiasi situazione e superare qualsiasi ostacolo. 

Inarrestabili per natura le Jeep Gran Cherokee offriranno anche massima protezione ai Militari grazie a una blindatura completa e un intervento di rinforzo delle sospensioni che garantirà la massima tenuta di strada. 

Sulle Jeep Gran Cherokee dei Carabinieri oltre alla canonica sirena con luci sul tetto, debuttano inediti lampeggianti a LED blu anche sul portellone posteriore. Collocati al fianco della targa daranno un ulteriore segno distintivo a un modello capace di affrontare qualunque missione! 

Internamente invece i nuovi SUV targati Jeep, oltre a tanto spazio utile, offriranno i più avanzati sistemi tecnologici in dotazione alle forze dell’ordine – come il sistema Odino per esempio – che, istallato su un tablet Android da 7”, è in grado di scorrere sui binari posti sul cruscotto offrendo ai militari la consultazione in tempo reale di tutti le banche dati delle Forze di PoliziaMotorizzazione Ania.  

Il primo esemplare ha preso servizio nei giorni scorsi nella città di Roma, ma entro l’anno tutte le 19 Jeep Gran Cherokee arruolate nell’Arma prenderanno servizio in tutta Italia rafforzando il sodalizio tra il Colosso FCA e i Carabinieri.

Vi aspettiamo nelle Concessionarie Gruppo Bossoni di Brescia, Cremona e Mantova – anche in occasione del Porte Aperte di sabato 17 e domenica 18 novembre – per scoprire e assaporare tutte le leggendarie doti off-road che da sempre caratterizzano le iconiche Jeep del marchio americano.

Bollo Auto: possibili cambiamenti in vista!

Con la nuova Legge di bilancio 2019 il Governo introduce nuove regole per il calcolo del Bollo Auto.

Nulla è ancora certo ma l’aumento della tassa automobilistica potrebbe riguardare i veicoli più inquinanti ed essere ormai alle porte.

Lo vuole l’Unione Europea ed è un’idea condivisa in Parlamento, quindi, molto probabilmente, la troveremo nella manovra e nel testo della legge di bilancio 2019. 

LEGGI ANCHE: bollo auto unico basato sui chilometri percorsi uguale in tutta Europa. 

Una stangata che interesserà circa 20 milioni di italiani possessori di veicoli Euro 1, 2 e 3 che già sono nel mirino con le limitazioni alla circolazione. La tassa automobilistica quindi sarà soggetta a una rimodulazione finalizzata a un rinnovamento del parco auto circolante, che oggi è composto per il 44% da veicoli inquinanti Euro 3!

LEGGI ANCHE: blocco Euro 3, ecco cosa devi sapere

Per facilitare questa operazione, nel 2018 sono state introdotte alcune garanzie – variabili da regione a regione – che riassumiamo in: 

  • Bollo auto pagato per una durata di 3 o 5 anni per chi acquista un’auto ibrida. 
  • Esenzione dal pagamento del bollo per i primi 5 anni e riduzione a 1/4 dell’importo per i successivi a chi acquista un’auto elettrica. 
  • Possibilità di pagare con bonifico o altre forme di pagamento che prevedono lo sconto del 10%. 
  • Possibilità di pagare comodamente da tablet e smartphone tramite PagoPa e Satispay. 

Noi di Gruppo Bossoni Automobili ci siamo messi nei vostri panni, creando la campagna “Diesel No Panic” in cui incentiviamo la rottamazione della vostra vecchia auto diesel per passare a una vettura nuova senza versare nessun anticipo e con la possibilità dopo tre anni di tenerla, cambiarla o restituirla a costo zero. 

Per maggiori informazioni contattaci CLICCANDO QUI e compilando il form in fondo alla pagina. 

Page 1 of 53

©2016 Gruppo Bossoni. All Rights Reserved. - Reg.Imp. Bs n.01678370170 - Privacy Policy • powered by kreativemind