Nuovo KODIAQ RS è pronto a stupire Parigi!

Nasce il primo SUV a potersi fregiare del glorioso marchio sportivo RS! Pronto per il debutto al prossimo Salone dell’auto di Parigi, sarà disponibile a 5 o 7 posti e avrà un potente motore  quattro cilindri in linea da 240 CV con trazione integrale 4X4.

ŠKODA KODIAQ RS, come sapete, ha già fatto parlare molto di se in occasione del giro di pista al Nurburgring, quando è riuscita a fermare le lancette del cronometro sul tempo Record di 9’29”84! Purtroppo allora non erano state rilasciate indiscrezioni su quale fosse il suo motore, ma oggi finalmente, abbiamo la risposta ai nostri dubbi. la Casa boema ha infatti deciso di svelarci il segreto di quella entusiasmante performance: un potente motore 2.0 TDI Bi-Turbo da 240 CV e 500 Nm di coppia massima, il diesel più potente nella storia del Brand boemo!  

LEGGI ANCHE L’ARTICOLO: ŠKODA KODIAQ RS record al Nurburgring.

La nuovo ŠKODA KODIAQ RS non vanterà soltanto un’estetica più aggressiva rispetto alla produzione standard, ma avrà tutte le peculiarità tecniche dei modelli più dinamici e sportivi della gamma RS. 

ŠKODA si avventura così nel segmento dei SUV sportivi, grazie alla sua leggendaria sapienza maturata in 117 anni di Motorsport! E’ dal 2000 che la sigla RS veste i modelli più performanti della gamma, oggi, con il lancio di Nuovo KODIAQ Rally Sport il Brand di Mladá Boleslav ha deciso di rinnovare lo storico logo sportivo, che ora sfoggia particolari in colore rosso!

Il nuovo logo RS debutterà insieme a Nuovo ŠKODA KODIAQ RS e sarà presente in vari punti della carrozzeria, sottolineando con la vivacità della tinta rossa la verve sportività del modello!

LEGGI ANCHE L’ARTICOLO: Nuova Fabia MY2019 aprirà le porte del nuovo Store ŠKODA in arrivo ad Orzinuovi

Per conoscere tutti i particolari e vederla sotto i riflettori bisognerà attendere fino a giovedì 4 ottobre, quando finalmente si apriranno i cancelli del Salone dell’Automobile di Parigi 2018.  

Auto, musica e party esclusivi per le Nuove Audi A6 e Q8

Settimana intensa per il Gruppo Bossoni Automobili, che ha presentato al suo pubblico di appassionati di motori e cultori del brand la nuova Audi A6 berlina e la nuovissima Sport SUV Q8.

 

Tre serate indimenticabili che hanno portato sul palco proiezioni, musica, deejay e auto incantevoli in location da 1000 e una notte.

Tre serate: mercoledi 12 settembre al Palazzo d’Arco di Mantova, la sera successiva è stata la volta di Cremona al Palazzo Zuccari e l’ultima, venerdì 14, presso Villa San Michele a Ripalta Cremasca

Tre location storiche e tre party esclusivi hanno accompagnato le Nuove Audi, vetture che segneranno la storia automobilistica del marchio grazie al loro design innovativo, ai loro contenuti tecnologici d’avanguardia, alla sicurezza attiva e passiva e al confort ai massimi livelli. 

LEGGI ANCHE: Nuova Audi A6, l’alba di un nuovo mito.

Sold Out! Più di seicento gli ospiti che hanno risposto all’invito alle serate griffate Bossoni Automobili. Bisogna riconoscere l’abilità di Marco Bossoni – Marketing Manager di Bossoni Automobili – nell’unire musica e gusto alla presentazione di due opere d’arte Made in Ingolstadt. 

LEGGI ANCHE: Arriva Audi Q8 la nuova Sport SUV dei Quattro Anelli.

Gli ospiti sono sono stati accompagnati alla scoperta della Nuova berlina di Casa Audi e del suo primo SUV Coupé dagli speaker radiofonici che – nelle serate di mercoledì e giovedì avevano il nome di Andrea Marchesi e Michele Mainardi di Radio Deejay mentre in quella del venerdì, del noto attore e conduttore televisivo, Riccardo Festa – tra bollicine Franciacorta e Finger Food hanno raccontato l’attenzione per il design e la cura maniacale per gli interni. 

Sia la Nuova Audi A6 che il Nuovo SUV Coupé Audi Q8, hanno sedotto il pubblico pronto a mettersi in fila per poterne ammirare i dettagli, scattare foto e selfie da condividere per ricordare una serata memorabile alla scoperta del piacere di guida.

Marco ha trovato un modo diverso di catturare gli sguardi e i flash del pubblico, che non hanno perso l’occasione di brindare ai nuovi modelli e al loro successo.

Nuova Audi Q8, in particolare, ha lasciato un segno indelebile nel cuore di cultori e appassionati. Novità assoluta per la Casa tedesca, ha fatto del design l’elemento centrale del suo carattere differenziandosi dal resto della gamma, realizzando un grande successo grazie al mix perfetto tra dinamicità ed eleganza con proporzioni bilanciate e minimaliste.

Anche voi siete curiosi di scoprirle? Vi aspettiamo in tutte le sedi Audi Bossoni Automobili di Cremona, Mantova e Bagnolo Cremasco

 

Alfa Romeo B-Tech: più grinta per tutte!

Il Biscione colora di nero i dettagli delle proprie punte di diamante e ne arricchisce i contenuti tecnologici. Le eccellenze del Made in Italy - Giulia, Stelvio e Giulietta - grazie alla nuova serie speciale B-Tech offrono più confort, più sicurezza e più connettività, strizzando l’occhio ai più sportivi. 

Dotazione ricca e carattere forte, sono gli assi nella manica del nuovo allestimento B-Tech, che nel corso del mese di settembre andrà a caratterizzare i tre principali modelli del Biscione.

LEGGI ANCHE L'ARTICOLO: Stelvio Quadrifoglio eletto SUV dell'anno 2018 anche da Auto Zeitung!

A spiccare sulle Alfa Romeo Giulia e Stelvio B-Tech sono i gusci degli specchietti e il profilo della mascherina in nero lucido, oltre ai cerchi in lega ad effetto brunito da 19” per Giulia e 20” per Stelvio (optional su entrambe). A questi si aggiungono alcuni dettagli specifici: su Giulia troviamo i paraurti sportivi dell’allestimento Veloce, i terminali di scarico e i badge posteriori bruniti, mentre sulla Stelvio lo scivolo per l’aria nel paraurti posteriore, le barre al tetto, gli scarichi e la scritta Stelvio sul portellone in nero lucido. 

Il Biscione con questo allestimento sportivo non dimentica il comfort, la sicurezza e la connettività. I tecnici di Alfa Romeo hanno pensano a tutto, istallando, su entrambe le vetture nuove, dotazioni tecnologiche come l’Adaptive Cruise Control, i fari bixeno, la radio DAB, il sistema infotainment Alfa Connect con display touch da 8,8″ (compatibile con Apple CarPlay e Android Auto) e l’Alfa Connected Services (la suite dei servizi Alfa Romeo che comprende anche e-call e b-call).

Per quanto riguarda la caratterizzazione di Giulietta B-Tech il Biscione è intervenuto enfatizzando ulteriormente le sue doti di compatta sportiva, partendo, anche per lei, da un ammodernamento dark con finitura nera lucida per specchietti, trilobo, cornice dei fendinebbia, maniglie e logo Giulietta. A rendere ancora più sportiva e completa la sua personalizzazione ecco il terminale di scarico maggiorato, i nuovi cerchi in lega da 18”, il paraurti posteriore sportivo con profili aerodinamici e l’ambiente interno scuro. La dotazione di serie include inoltre i cristalli posteriori oscurati, l’Alfa Connect 7″ Radio by Alpine, integrabile con Apple CarPlay e Android Auto, telecamera e sensori di parcheggio posteriori, ingresso USB-HDMI e Mopar Connect.

Le numerose novità della nuova serie speciale B-Tech renderanno ancora più personali ed esclusive le creazioni meccaniche di Arese. Per l’occasione nel mese di Settembre tutti gli Showroom Alfa Romeo Gruppo Bossoni di Brescia, Mantova e Cremona saranno aperti anche la Domenica e accoglieranno tutti i clienti per scoprire e apprezzare l’intera gamma Alfa Romeo e la costante evoluzione dei modelli Giulia, Stelvio e Giulietta. 

Sottolineiamo che da metà settembre sarà possibile ordinare le Nuove Giulia e Stelvio B-Tech mentre la Giulietta B-Tech arriverà alla fine del mese.

Audi Q3: partita la produzione nello stabilimento ungherese di Gyor

Da Ingolstadt il via alla produzione della seconda generazione del celebre crossover di fascia media. 

Nuova Audi Q3 due.zero arriverà negli Showroom Bossoni Automobili a Novembre, nell’attesa gustiamoci il primo esemplare, uscito dalla catena produttiva dello stabilimento ungherese di Gyor in uno splendido colore Turbo Blue

La fabbrica, vero e proprio fiore all’occhiello del marchio, oltre alla Q3 produce anche la A3 Sedan e Cabriolet oltre alla TT Coupé e Roadster. Per supportare la richiesta della nuova generazione del modello Q si è resa necessaria la costruzione di una nuova ala di 80.000 metri quadrati e l’istallazione di 700 robot che, insieme ai mille dipendenti, hanno innalzato la capacità produttiva fino a 160.000 unità annue.

La produzione di un modello Q è un chiaro impegno per il nostro sito in Ungheria – le parole di Achim Hinfling, dirigente dello stabilimento – rafforza la nostra competitività e quindi assicura il successo a lungo termine di Audi Ungheria. Sono orgoglioso dei nostri dipendenti”.

Il colore Turbo Blue della Nuova Audi Q3 ne esalta la sportività, più lunga e più larga del modello uscente, la nuova crossover vanta un design rivisto quasi da zero. Più dinamica e spigolosa – grazie al passo allungato – vanta forme tese e allungate che ricordano vagamente il Nuovo SUV sportivo Q8.  A livello estetico si possono notare le grandi prese d’aria laterali sormontate dai fari Full LED e dalla calandra single frame ottagonale, dettagli che, insieme, donano alla Nuova Q3 un’aria davvero dura! 

LEGGI ANCHE L’ARTICOLO: Nuova Audi Q3, i dettagli.

A Ingolstadt i designer sono riusciti a racchiudere in questo modello un mix di tutta la nuova gamma, con uno stile moderno, che ha tutte le carte in regola per essere scelto da molti clienti. Nuova Audi Q3 potrà essere acquistata per il suo aspetto, per lo spazio a bordo o per la tanta tecnologia, che vede come protagonista indiscusso il Virtual Cockpit accompagnato dal sistema multimediale MMI annegato nel Black Panel (il pannello ottagonale già visto su Nuova A6, A7 e A8). 

LEGGI ANCHE L’ARTICOLO: Nuova Audi A1 Sportback.

Vi aspettiamo a Novembre negli Showroom Audi Bossoni Automobili di Cremona, Porto Mantovano e Bagnolo Cremasco per scoprirla insieme.

Il Museo Storico “La Macchina del Tempo” apre i cofani delle leggendarie vetture Alfa Romeo.

Ad Arese torna l’immancabile evento dedicato agli appassionati del Biscione. 

Sabato 15 e domenica 16 settembre il Museo Storico Alfa Romeo mette in mostra il cuore delle vetture, che gelosamente conserva da anni, permettendo di ammirarne le meccaniche solitamente non visibili.

Doppio appuntamento – sabato 15 e domenica 16 settembre – con i “Cofani aperti”, la tanto attesa rassegna motoristica dedicata alle vetture Alfa Romeo. 

Il Museo Storico “La Macchina del Tempo” questo week end mette in mostra quello che solitamente non è visibile, ovvero i motori e i telai delle splendide carrozzerie conosciute ed apprezzate in tutto il mondo. 

Un appuntamento da non perdere perché è un modo diverso e nuovo per ammirare le auto – e che auto – veri mostri sacri dalla raffinata e ineguagliabile meccanica. Basti pensare alla sagoma filante ed affilata della Carabo, che per l’occasione si trasformerà alzando in alto le, allora inedite, porte ad apertura verticale. Così come la 33 Stradale, prototipo che schiuderà la raffinata carrozzeria disegnata da Franco Scaglione per mostrare la meccanica strettamente derivata dalle corse. Oppure gli enormi cofani delle Tipo 33, sollevati per mostrare i potenti motori che hanno portato tantissimi successi al marchio Alfa Romeo. 

Ci saranno altre particolarità solitamente non visibili: dal prototipo di motore a iniezione sulla 2600 Sprint all’estrema impostazione pensata per la Sprint 6C.

LEGGI ANCHE: Alfa Romeo trionfa al Pebble Beach Concours d'Elegance

In mostra all’edizione 2018 di “Cofani aperti” il Cuore sportivo delle Alfa più speciali, ma, protagonista indiscusso il sezionato completo dell’Alfa 33, che quasi trentacinque anni dopo essere stato esposto nei saloni di tutta Europa, torna a mostrare ogni dettaglio della raffinata meccanica targata Alfa Romeo “La meccanica delle emozioni”. 

Per maggiori informazioni collegatevi al sito: www.museoalfaromeo.com

Consigli e precauzioni per viaggiare in auto quando si è incinta

Viaggiate spesso in auto anche se siete in gravidanza? Rilassatevi future mamme, se l’attesa non è stata dichiarata a rischio, l'automobile è un mezzo di trasporto comodo e sicuro.
In generale basta seguire qualche semplice accorgimento e utilizzare un briciolo di cautela in più per viaggiare in auto in dolce attesa senza rischi e in totale confort.
Le future mamme non dovranno effettuare tragitti eccessivamente lunghi ed evitare di restare a lungo sedute nella stessa posizione, inoltre bere tanta acqua le aiuterà a fluidificare il sangue e contrastare i disturbi circolatori prevenendo così il rischio di formazione di microtrombi.
LEGGI ANCHE: bambini in auto, consigli top per affrontare un viaggio senza pensieri.
In Italia fortunatamente negli ultimi anni sono apparsi i parcheggi rosa, solitamente collocati in posizioni strategiche come ingressi dei supermercati, ospedali e farmacie, sono spazi dedicati solo ed esclusivamente alle donne in gravidanza e alle neo mamme per agevolarle negli spostamenti quotidiani.
Detto questo, il prossimo step da seguire riguarda il confort offerto dalla propria vettura, in quanto il fattore sicurezza deve essere al centro di ogni spostamento perché una donna incinta deve necessariamente viaggiare comoda e sicura.
Prima regola è la comodità: Lo spazio adeguato per il pancione e i sedili reclinabili è peculiarità di ogni buona auto mentre l’acquisto di pratici oggetti utili per alleviare i fastidi di ogni spostamento rimane compito della gestante.
Per questo motivo Gruppo Bossoni Automobili vi consiglia l’acquisto di:
  • Un comodo cuscino in gommapiuma da posizionare tra la schiena e il sedile all’altezza dei reni.
  • Un riduttore per le cinture di sicurezza che consiste in un sistema di sicurezza creato ad hoc per facilitare il posizionamento della cintura tra le gambe e proteggere il feto in caso di incidente.
  • Un supporto laterale da applicare alla cintura di sicurezza, ideale per proteggere il collo e un pratico cuscino per la testa.
Seconda regola è la sicurezza: sfatiamo subito il mito riguardante l’uso della cintura di sicurezza, che rimane obbligatoria anche per le donne incinte, salvo qualche eccezione che deve essere certificata dal ginecologo: la pena una multa da 80 a 323 euro e 5 punti sulla patente. Gli studi infatti dimostrano che senza cintura di sicurezza aumenta la mortalità sia per la futura mamma che per il feto, dunque usiamola sempre facendo attenzione al suo corretto posizionamento!
Per quanto riguarda l’airbag, vale lo stesso discorso e quindi non va mai disattivato. L’unica cosa che potete fare è posizionare il sedile il più lontano possibile, ma sempre con la cintura ben allacciata, perché solo la combinazione di entrambi i sistemi di sicurezza vi salverà la vita.
LEGGI ANCHE: vacanze in auto, come affrontare un viaggio sotto il sole cocente senza correre rischi.
Le precauzioni per le future mamme non sono mai troppe e nel complesso, tuttavia, se sommate al corredo del nascituro, possono portare a costi molto elevati. Il consiglio per risparmiare è di sfruttare gli aiuti statali sotto forma di bonus, visite mediche gratuite e altre forme di agevolazioni come quelle per i parcheggi nelle strisce blu e l’accesso alle Ztl gratis.
Alcune Amministrazioni Comunali offrono il servizio di parcheggio gratuito alla futura mamma per l’intera gravidanza e fino al raggiungimento del primo anno di vita del bimbo, mentre altre lo rendono disponibile a un prezzo variabile che va dai 30 ai 120 euro. In questi casi però il contrassegno permette alle mamme di transitare o parcheggiare nelle strisce bianche e blu promiscue di tutte le Ztl addirittura fino al compimento del terzo anno di età del bambino.
Concludiamo ricordando che per tutto il 2018 continueranno ad essere operativi tutti i bonus maternità attualmente in vigore, ma con qualche novità: cambia, in particolare, il bonus bebè, che per i nati dal 2018 in poi durerà soltanto un anno, e sarà dimezzato dal 2019.
Restano inalterati, invece, il voucher babysitter e asilo nido, il bonus nido, il bonus mamma domani (premio nascita) e il fondo natalità.

 

DEEJAY Xmaster 2018: vieni a giocare con noi al Jeep® Urban Games

Le leggendarie Jeep non conoscono ostacoli ne stanchezza, per questo il 15 settembre l’iconico marchio americano capitanato da FCA, porterà all’Ippodromo del Galoppo di Milano il divertimento, lo sport, la musica e le Nuove Jeep® Renegade, Jeep® Wrangler e Jeep® Cherokee.

Vieni a scoprire Jeep® Urban Games, l’avventura comincia ora: esibizioni, campioni e straordinari professionisti per un evento all’insegna dello spettacolo e del divertimento dove le emozioni saranno le vere protagoniste!

Una giornata imperdibile – pensata per grandi e piccoli – che unisce la passione per lo sport e quella per i motori, dove si potranno ammirare le sorprendenti esibizioni delle nuove Jeep 4X4 e atleti professionisti cimentarsi in tutte le attività Actions che si sono imposte ai DEEJAY Xmasters di Senigallia: BIG AIRBAG, OBSTACLE OCR, DIRTBMX, PUMPTRACK, SLACKLINE, PARKOUR, CALISTHENICS. 

Un’operazione a 360° che esprime tutto il DNA del marchio Jeep – da sempre sinonimo di avventura – in cui tutti potranno mettersi alla prova al volante delle nuove Jeep® Wrangler, Jeep® Renegade MY19 e Jeep® Cherokee. Non occorre essere professionisti, ma solo aver voglia di provare nuove emozioni, in puro stile Jeep®. Tre tipologie di test drive, anche off-road, sono pronte ad offrirvi il massimo dell’adrenalina, non perdetevi l’occasione di provare il nuovo modello dell’iconica Jeep®Wrangler nel suo habitat naturale! 

Dall’apertura dei cancelli fino a tarda sera caratteristici food truck offriranno un valido punto dove ricaricare le forze, mentre l’energizzante Linus – testimonial ufficiale dell’evento –scalderà l’atmosfera. La colonna sonora dell’intera giornata sarà affidata  a Radio Deejay con le voci e i volti dei suoi speaker: Vic, Diego, La Vale e Andrea e Michele. 

Dalle 21 in consolle il Deejay Time con Albertino, Fargetta, Molella e Prezioso.

L’iscrizione e la partecipazione all’evento Jeep® Urban Games 15 settembre – Milano è totalmente gratuita, per iscriversi basta cliccare qui: www.jeepurbangames.com

Corte UE: L’automobile va assicurata anche se si decide di tenerla ferma nel box per anni

La Corte di giustizia dell’Unione Europea sancisce che la polizza assicurativa RCA è obbligatoria non solo se l’auto circola su strada, ma anche se viene tenuta ferma su un terreno privato. 

Quanti di noi hanno automobili ancora funzionanti – a volte ereditate – parcheggiate in cortile o dimenticate in box arrugginiti, perché di nessun valore se non quello affettivo. Vetture ancora idonee alla circolazione, ma senza assicurazione, come quella di una signora in Portogallo che non avendo più intenzione di utilizzarla l’aveva parcheggiata in cortile in attesa di venderla o demolirla. 

LEGGI ANCHE L’ARTICOLO: come comportarsi se si è testimoni di un incidente stradale

Il figlio, a sua insaputa, ha preso l’automobile e causato un incidente mortale nel quale ha perso la vita insieme a due passeggeri dell’altra vettura coinvolta. Poiché il veicolo non è risultato assicurato, è dovuto intervenire il Fondo portoghese di garanzia automobilistica, che ha prima indennizzato i parenti delle vittime con circa 500.000 € per poi rivalersi sulla povera signora che non aveva assicurato l’auto. 

Investita dalla questione, la proprietaria si è opposta non ritenendosi responsabile dell’incidente, ma la Corte di giustizia dell’UE ha respinto le sue motivazioni, decidendo oggi, che la polizza di responsabilità civile è sempre obbligatoria per i veicoli immatricolati in uno Stato membro – a patto che siano idonei alla circolazione – anche se giacciono abbandonati su terreni privati. 

Questo perché l’auto non essendo stata radiata dal PRA risponde ancora alla nozione di “veicolo” e quindi secondo la direttiva 72/166/CEE deve essere coperta da assicurazione. 

La Corte di giustizia ha concluso la sentenza dando ragione al Fondo di tutela delle vittime della strada per colpa di veicoli non assicurati, consentendogli di rivalersi sul responsabile dell’incidente ma anche su chi ha l’obbligo di assicurare l’automobile. 

Auto a metano: vantaggi e svantaggi

Per gli automobilisti italiani il metano è sinonimo di risparmio oltre che un’alternativa green alle alimentazioni tradizionali. L’offerta di auto e di distributori a metano è in grande crescita nel Bel paese, con questo articolo cercheremo di fare chiarezza sulla rete distributiva e sulle revisioni delle bombole di metano.

Partiamo subito superando l’idea che guidare un’auto a metano sia diverso rispetto a una vettura a benzina o diesel. Le prestazioni dei motori alimentati a gas sono identiche a quelle dei motori convenzionali e regalano esattamente le stesse sensazioni al volante. Questo è merito anche di bombole di nuova generazione e una buona distribuzione dei pesi.

LEGGI ANCHE: carburanti, in UE arriva l'etichetta per non sbagliare rifornimento.

L’Italia, d’altro canto, è il paese del metano con oltre 1 milione di veicoli circolanti, una rete distributiva che è la più ampia d’Europa e 1.200 stazioni di rifornimento che rappresentano il 30% del totale continentale. 

Nonostante il primato mondiale, la rete italiana continua la sua costante crescita registrando un +25% dal 2012 al 2017 e siglando con Snam, azienda che si occupa di trasporto del gas naturale, diversi accordi per la realizzazione a breve termine di altri 300 impianti sul territorio nazionale. 

Questo perché le auto a metano garantiscono diversi vantaggi:

  •  Nessun limite di parcheggio (a differenza del Gpl)
  • ·Percorrenze superiori del 60% rispetto ai veicoli alimentati benzina, il 30% in più di quelle alimentate a Gasolio e il 20% rispetto al Gpl.
  •  Meno emissioni di CO2 e NOx (30%)
  • ·Emissioni di particolato quasi azzerate.

Unica cosa da ricordarsi è la Revisione delle bombole:

Per legge le auto a metano devono sottoporre a revisione periodica le proprie bombole, un’operazione complessa e delicata che riguarda la sicurezza. Le bombole a norma europea (R110 ECE/ONU) vanno revisionate per la prima volta dopo 4 anni e poi via via ogni 2, fino al raggiungimento del ventesimo anno di vita. Quelle omologate con normativa nazionale (DGM) invece vanno sottoposte a collaudo ogni 5 anni e sostituite al raggiungimento del 20 anno di impiego.  

L’omessa revisione delle bombole è punita dall’articolo 71 del Codice della Strada con una sanzione amministrativa di 85 euro.

In Italia l’operazione di revisione è affidata alla Gestione fondo bombole metano (GFBM) ed è gratuita, alimentata da un contributo che si paga nel prezzo del combustibile al rifornimento. All’utente in tal modo vengono assicurati il collaudo e l’interscambio gratuito delle bombole, nonché la sostituzione di quelle scartate o giunte a fine carriera.

Differenze tra le bombole Cng1 e Cng4 nel momento della revisione:

Le modalità di revisione delle bombole Cng1 prevedono il controllo, l’eventuale sostituzione e l’invio al centro di controllo più vicino delle stesse completamente gratis, mentre i costi di stacco, pulizia e riattacco oltre alla verifica e all’eventuale sostituzione delle valvole è a carico del proprietario del veicolo. Le bombole Cng4 invece seguono una procedura di riqualifica più semplice che consiste in un esame visivo totalmente gratuito da parte di un tecnico specializzato inviato dalla Motorizzazione. Anche in questo caso però la preparazione e la pulizia delle superfici da controllare sono a carico del cliente.  

Concludendo, in attesa della rivoluzione elettrica, il metano rappresenta una tecnologia già matura e parallela all’ibrido molto virtuosa, anche dal punto di vista dell’impatto ambientale.

Già disponibile e collaudata che non richiede nessuna rinuncia o compromesso sul fronte del piacere di guida.

I Veicoli Commerciali di Volkswagen allargano gli orizzonti del Salone del Camper 2018

Volkswagen partecipa per il quarto anno consecutivo al Salone del Camper di Parma, la rassegna più importante per gli appassionati dei viaggi on the road e del turismo en plein air.

Lo stand 2018 del Colosso di Wolfsburg segue il claim “Allargate i vostri orizzonti” sintetizzandosi in concetti come esplorazione, sport e avventura. Luoghi montani incontaminati e sfondi mozzafiato fanno da cornice a veri pezzi da 90, in particolare il Volkswagen California T6 Beach “Overland” e l’iconico pulmino T1 Bulli camperizzato del 1964.

Veicoli speciali, che a loro modo hanno lasciato il segno nella mente di tutti. Il veicolo arancione ad esempio ha fatto parte della spedizione di Overland19 ed è di ritorno da un lungo viaggio in India. Il T1 “Bulli” invece è il veicolo più conosciuto del Brand, che col suo fascino intramontabile ha segnato un’epoca e ora, con la sua immagine, ha aperto la nuova era dei veicoli 100% elettrici della Casa.  

LEGGI ANCHE: Volkswagen Bulli, presto anche lui avrà un'erede di derivazione I.D. Buzz

Non perdetevi questo importante appuntamento, avete tempo fino a domenica 16 settembre per scoprire i Veicoli Commerciali di Volkswagen e i primi dettagli relativi al Gran California, il primo modello di camper realizzato su base Crafter. 

Un vero e proprio camper di grandi dimensioni, dotato degli stessi sistemi di trazione, assistenza, confort e infotainment del Crafter ma, con l’aggiunta di un vero bagno dotato di wc, doccia, lavandino e armadietto. 

Il Nuovo Crafter, non per niente, è sempre un passo avanti perché sinonimo di modernità e futuro. 

Cogliamo l’occasione per annunciare la grande anteprima di Volkswagen Veicoli Commerciali: il Nuovo e-Crafter – una versione elettrica a zero emissioni con potenza di 136 CV e un’autonomia di 173 chilometri (certificati con metodo NEDC) e una velocità massima di 90 km/h. Un furgone sviluppato per soddisfare le esigenze dell’impiego quotidiano di un furgone all’interno dell’area urbana per aziende e artigiani. 

I Veicoli Commerciali di Volkswagen allargano gli orizzonti del Salone del Camper 2018

Page 1 of 49

©2016 Gruppo Bossoni. All Rights Reserved. - Reg.Imp. Bs n.01678370170 - Privacy Policy • powered by kreativemind